Pakistan, campagna antipolio. Decine di operatori rifiutano per paura talebani

Pubblicato il 10 gennaio 2014 14:05 | Ultimo aggiornamento: 10 gennaio 2014 14:05

polioPAKISTAN, ISLAMABAD – Un gruppo di 64 dipendenti dell’ospedale di Jamrud, nel territorio tribale pachistano della Khyber Agency, hanno annunciato di aver deciso di non partecipare alla campagna di tre giorni di vaccinazione antipolio che doveva cominciare sabato. Lo hanno reso noto i responsabili sanitari della zona.

La ragione del rifiuto di accompagnare il progetto di vaccinazione contro la poliomielite e’ stato motivato con le insufficienti misure di sicurezza esistenti di fronte agli attacchi dei talebani ostili al progetto. Un responsabile dell’ospedale ha detto che “64 dipendenti hanno solennemente giurato sul Corano che non avranno alcun ruolo nella campagna di vaccinazione perche’ le loro vite sono in pericolo”.

Dal novembre 2012 i talebani hanno sistematicamente attaccato i team di volontari operanti nei territori tribali pachistani e nella provincia di Khyber Pakhtunkhwa, uccidendo decine di civili e agenti della sicurezza. Insieme a Nigeria ed Afghanistan, il Pakistan e’ uno dei tre Paesi al mondo dove la poliomielite non e’ ancora sotto controllo. Nel 2013 i casi registrati sono stati 72, contro i 58 dell’anno precedente.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other