Papa Francesco commissaria gli Araldi del Vangelo. L’accusa: “Strani esorcismi sui bambini”

di redazione Blitz
Pubblicato il 1 Ottobre 2019 11:57 | Ultimo aggiornamento: 14 Ottobre 2019 15:35

Una processione degli Araldi del Vangelo, associazione cattolica nata in Brasile a vocazione ultra-tradizionalista

ROMA – Papa Francesco commissaria gli Araldi del Vangelo, un’associazione cattolica internazionale nata in Brasile alcuni anni fa a vocazione ultra-tradizionalista. Li si può riconoscere per la tunica marrone e bianca, con una grande croce biancorossa ricamata sul petto, simile a quella dei cavalieri medioevali. Spesso sono protagonisti di eventi liturgici in un clima di forte venerazione, in particolare per la Madonna di Fatima. E ora sono incappati negli esiti di accertamenti, voluti dal Vaticano, su presunte carenze gestionali e pastorali, dice la sala stampa pontificia.

In realtà, secondo quanto riporta il giornale brasiliano Metrópoles, le accuse sarebbero abbastanza pesanti: si parla di presunti abusi di potere, di culto della personalità e controllo psicologico sui membri fino a praticare strani esorcismi sui ragazzini capaci di creare in loro suggestioni e traumi. Accuse che sono state portate anche all’attenzione della Procura di San Paolo che starebbe indagando anche su presunti abusi sessuali.

A destare sospetti sono stati alcuni video che mostrerebbero gli esorcismi praticati sui ragazzi. Nei filmati si vedono i responsabili dei rituali che schiaffeggiano in testa i bambini. Per non parlare delle assurdità recapitate dall’aldilà dal defunto nobiluomo Plinio Correa de Oliveira, un giornalista e cattolico reazionario morto nel 1995, fondatore dell’associazione per la Difesa della Tradizione, Famiglia e Proprietà in Brasile. Dall’aldilà Plinio Correa avrebbe inviato messaggi agli Araldi contenenti la rivelazione che i cambiamenti climatici e il buco dell’ozono fossero il frutto del demonio.

Il 23 giugno 2017, si legge in un comunicato della Santa Sede, la Congregazione per gli Istituti di vita consacrata e le Società di Vita apostolica guidata dal cardinale Joo Braz de Aviz, in accordo con il Dicastero per i laici, la famiglia e la vita, aveva indetto “una visita apostolica” agli Araldi del Vangelo. “Dopo aver attentamente studiato le conclusioni dei visitatori, ottenuta l’approvazione del Santo Padre”, l’associazione è stata commissariata.

Spetterà ora al cardinale Raymundo Damasceno Assis, arcivescovo emerito di Aparecida, correggere eventuali distorsioni. Il commissario sarà coadiuvato dagli assistenti José Aparecido Gonçalves de Almeida, vescovo ausiliare di Brasília, e suor Marian Ambrosio I.D.P, superiora generale delle Suore della Divina Provvidenza.

Gli Araldi del Vangelo – ricorda il sito Vatican News – sono un’associazione internazionale di fedeli di diritto pontificio, la prima a essere eretta dalla Santa Sede nel nuovo millennio, il 22 febbraio 2001. Sono presenti in diversi Paesi del mondo. Le due società di vita apostolica che ne sono derivate avevano ottenuto il riconoscimento pontificio nel 2009. Il loro fondatore è monsignor Joao Scognamiglio Clá Dias, già membro dell’associazione cattolico tradizionalista e contro-rivoluzionaria brasiliana Tfp (Tradizione, Famiglia e Proprietà), che si è poi smembrata e da un suo ramo divenuto completamente autonomo sono nati gli Araldi del Vangelo.

Le motivazioni ufficiali della visita apostolica e ora della decisione di commissariare gli Araldi sono legate a carenze riguardanti lo stile di governo, la vita dei membri del Consiglio, la pastorale vocazionale, la formazione delle nuove vocazioni, l’amministrazione, la gestione delle opere e il reperimento delle risorse. Anche in questo caso, come in casi analoghi, sottolinea sempre Vatican News, “la decisione della Santa Sede non va considerata come una punizione ma come un’iniziativa finalizzata al bene delle istituzioni commissariate per cercare di risolvere i problemi esistenti”.

Fonte: Metrópoles