Papa verso Cuba e Usa. Castro-Obama: “Disgelo merito suo”

di redazione Blitz
Pubblicato il 19 Settembre 2015 10:57 | Ultimo aggiornamento: 19 Settembre 2015 10:58
Papa verso Cuba e Usa. Castro-Obama: "Disgelo merito suo"

Papa verso Cuba e Usa. Castro-Obama: “Disgelo merito suo”

ROMA – Un viaggio lungo e articolato tra Cuba e Stati Uniti, due Paesi che proprio lui, il Papa, ha contribuito a pacificare. Lo dicono anche Raul Castro e Barack Obama in una telefonata avvenuta proprio alla vigilia del viaggio di Francesco.

Il pontefice è partito sabato mattina per il suo viaggio apostolico a Cuba e negli Stati Uniti. Sarà il più lungo del pontificato, ma anche il più denso e complesso dal punto di vista dei contenuti, dei rapporti, delle questioni sul tappeto.

Ventisei i discorsi in programma: otto a Cuba e 18 negli Usa, di cui solo quattro in inglese, il resto in spagnolo. Complessivamente saranno 19.171 i km percorsi dal Papa in sette voli. All’Avana ci sarà subito la cerimonia di benvenuto, con i discorsi del presidente Raul Castro e del Pontefice. Domenica poi inizieranno gli impegni ufficiali, con alle 9 (le 15 in Italia) la messa nella Plaza de la Revolucion della capitale cubana.

Venerdì il presidente americano, Barack Obama, e quello cubano, Raul Castro, nel corso di un colloquio telefonico hanno elogiato il ruolo svolto da Francesco nel migliorare i rapporti tra Stati Uniti e Cuba.

Durante il colloquio telefonico Obama e Castro hanno discusso degli ulteriori passi da intraprendere per migliorare la cooperazione bilaterale nonostante “le differenze su questioni importanti” che saranno affrontate apertamente, riferisce la Casa Bianca.

Il presidente americano ha sottolineato l’importanza di aver ristabilito i rapporti diplomatici tra Usa e Cuba e la riapertura delle due ambasciate nei rispettivi Paesi. Obama e Castro hanno anche sottolineato la cooperazione fra medici americani e cubani durante la missione della nave Usa Comfort ad Haiti questa settimana.