Parigi in marcia contro terrore con 44 capi Stato. Netanyahu e Abu Mazen insieme

di Redazione Blitz
Pubblicato il 11 Gennaio 2015 12:55 | Ultimo aggiornamento: 11 Gennaio 2015 21:57
Parigi, il mondo in marcia contro il terrorismo. Cecchini contro i terroristi

Parigi, il mondo in marcia contro il terrorismo. Cecchini contro i terroristi

FRANCIA – In marcia contro il terrorismo. A Parigi, ma c’è tutto il mondo. E Parigi, come dice il presidente Francois Hollande ai ministri subito prima della marcia, “per un giorno è la capitale del mondo”. Nella capitale francese ci sono capi di Stato e non solo. Due giorni dopo il doppio orrore va in scena nella capitale francese super blindata per l’occasione la grande marcia per la libertà.

Il corteo è partito alle 15.30: i capi di governo si sono schierati a boulevard Voltaire.

[PER GUARDARE LA FOTO clicca qui]

In prima fila: Matteo Renzi, Francois Hollande (al centro), Angela Merkel, David Cameron, Benyamin Nethanyaou che fino all’ultimo è rimasto indeciso tra l’andare e il non andare. Alla fine ha prevalso il dovere di esserci vista anche l’uccisione dei 4 ebrei nel market.

In seconda fila, proprio dietro a Renzi, c’è anche il leader palestinese Abu Mazen, poi Nicolas Sarkozy. Camminano tutti in silenzio, tenendosi sotto braccio.Dietro di loro una marea umana “senza precedenti”: almeno due milioni di persone, ma la cifra è approssimata, probabilmente per difetto.

E’ stata una giornata indimenticabile che ha toccato corde profonde in chi c’era. Nessun gesto fuori posto, nessuna banalità. I familiari e i colleghi dei giornalisti trucidati a Charlie Hebdo mercoledì scorso sono stati idealmente abbracciati da milioni di presenti, l’abbraccio lunghissimo del presidente a Patrick Pelloux, collaboratore storico del periodico satirico che dalla redazione devastata ha telefonato per primo al presidente. L’immagine più storica, il leader palestinese e quello israeliano uniti, applauditi insieme, fianco a fianco. Quella più inattesa, la carezza di Angela Merkel a Hollande, all’arrivo della cancelliera all’Eliseo.

I leader politici sono stati applauditi dalla gente alle finestre, per una volta non li ha accolti l’indifferenza e la contestazione. Applausi non scontati, ma voluti e convinti, per le forze dell’ordine duramente colpite dal terrore: anche per poliziotti e gendarmi non sarà facile dimenticare l’omaggio di Parigi mentre passavano in fila, vestiti con le loro tute nere da assalto, in mezzo a due ali di folla, di ragazzi, studenti, gente qualunque che batteva le mani.

Hollande, il presidente più impopolare della Quinta repubblica, è stato protagonista di questa giornata destinata a rimanere nella memoria di tutti. Accanto a Matteo Renzi, David Cameron, Angela Merkel – in tutto 44 i capi di Stato e di governo presenti alla marcia – Hollande ha guidato l’inedita sfilata fra uno schieramento di forze di sicurezza senza precedenti. Hanno fatto qualche centinaio di metri a piedi insieme, alcuni mano nella mano, altri salutando chi applaudiva dalle finestre, un percorso altamente simbolico, un omaggio che la Francia ha saputo organizzare in 48 ore, garantendo sicurezza ed efficacia.

L’abbraccio con i familiari delle 17 vittime del terrore della settimana più nera della Francia è stato lunghissimo, poi Hollande ha congedato i colleghi leader che sono rientrati all’Eliseo nei bus blindati e ha continuato da solo in direzione di place de la Nation per oltre mezz’ora.

“Sono estremamente fiero dei francesi”, ha commentato Manuel Valls, il primo ministro, mentre Jean-Christophe Cambadelis, leader del Partito socialista, ha sottolineato che “questa giornata segnerà profondamente la situazione politica e la Francia”. Un modo di spiegare che dall’estrema difficoltà, il Paese potrebbe aver trovato lo slancio per ritrovare un’unità perduta, la voglia di reagire.

Fino a sera inoltrata la gente ha continuato ad affluire, tanto che il ministero dell’Interno ha ammesso di non avere precedenti per poter quantificare i partecipanti. A Lione erano oltre 300 mila, una marea a Marsiglia, a Tolosa, a Lille e in mille altre città. Il quotidiano Le Monde in serata stimava quattro milioni di persone nelle piazze di tutta la Francia.

A fine giornata, altro momento di grande significato alla Grande sinagoga di Parigi, dove Hollande ha accolto Netanyahu. I due, insieme, hanno assistito alla cerimonia in memoria dei 17 caduti del terrore e in particolare dei 4 ebrei assassinati nel supermercato kosher di Vincennes.

Scorrono, alla fine di questa giornata che riscatta la settimana più oscura, le immagini che fanno la storia: i leader sottobraccio, che guidano il corteo, Hollande stretto alla Merkel e alla sua sinistra Ibrahim Boubacar Keïta, presidente del Mali. Il Paese africano dal quale arrivava un altro protagonista di questa settimana di orrore ed eroe di tutti, presente alla marcia: Lassana Bathily, il musulmano che ha salvato la vita di diversi clienti nel supermercato kosher nascondendoli nelle celle frigorifere del sotterraneo. Per lui, per i poliziotti e i gendarmi, per i familiari delle vittime, per i politici, gli stessi applausi e, per un giorno, lo stesso rispetto.

Per l’evento sono state messe in campo misure di sicurezza straordinarie. Misure necessarie visto il clima a Parigi e viste anche le presenze al corteo. Sono stati infatti mobilitati 2000 poliziotti e 1350 militari. Lungo il percorso c’erano anche dei cecchini appostati sugli edifici.

Grande assente Barack Obama. Né Kerry e neanche Biden. Una scelta che ha suscitato polemiche negli Usa, scatenando il dibattito. A rappresentare gli Stati Uniti alla marcia, c’erano però l’ambasciatore in Francia, Jane Hartley, l’attorney General Eric Holder e il vice segretario del dipartimento di Homeland Security, Alejandro Mayorkas.

Non c’era, perché non invitato, neppure il Fronte Nazionale di Marine Le Pen che ha invitato i suoi militanti a sfilare in provincia.