Partorisce e si fa tatuaggio: giudice le vieta di allattare al seno

di Redazione Blitz
Pubblicato il 18 Giugno 2015 14:07 | Ultimo aggiornamento: 18 Giugno 2015 14:07
Partorisce e si fa tatuaggio: giudice le vieta di allattare al seno

Partorisce e si fa tatuaggio: giudice le vieta di allattare al seno

SYDNEY – Si è fatta un tatuaggio subito dopo aver partorito e così un giudice le ha proibito di allattare al seno il suo bambino. “Può aver contratto l’Hiv o l’epatite“, ha sentenziato il giudice imponendo il divieto. Il caso arriva da New Castle, dove la vicenda è uscita allo scoperto durante una causa di divorzio.

Francesco Tortora sul Corriere della Sera riporta la notizia apparsa sul Sydney Morning Herald e scrive:

“la ventenne, il cui nome non è stato reso pubblico, avrebbe fatto causa all’ex compagno da cui era separata da mesi e che le aveva portato via il bambino. L’uomo non solo avrebbe raccontato alla Corte che la ragazza ha problemi psichici e farebbe uso di droga, ma ha anche segnalato la storia del recente tatuaggio.

Il giudice Matthew Myers ha affidato la custodia del neonato alla madre, ma ha ordinato alla donna di astenersi dall’allattamento. Secondo il giudice, infatti, la ventenne potrebbe aver contratto una malattia sanguigna e potrebbe essere stata contagiata dal virus dell’Hiv o dall’epatite”.

La giovane madre ha fatto ricorso in appello, portando i test di Hiv ed epatite dagli esiti negativi come prova:

“La «Australian Breastfeeding Association» ribatte che la donna potrebbe aver contratto il virus dell’Hiv e trovarsi ancora nel «periodo finestra», ovvero il lasso di tempo in cui si è stati infettati dal virus, ma non è possibile identificarlo attraverso i test. La donna potrebbe aver contratto il virus dell’Hiv se le attrezzature per fare il tatuaggio non fossero state pulite e sterilizzate correttamente, affermano gli esperti dell’associazione, e potrebbe trasmetterlo al bambino.