Pene amputato: soldato Usa chiede 10 milioni di risarcimento

Pubblicato il 3 ottobre 2012 13:25 | Ultimo aggiornamento: 3 ottobre 2012 13:35

KENTUCKY – Un ex soldato dell’esercito americano ha chiesto 10 milioni di dollari di risarcimento dopo che gli è stato amputato il pene a causa di congelamento e cancrena causata da una lunga serie di impacchi di ghiaccio. L’ex militare ha lanciato l’accusa di negligenza medica contro il governo federale.

La denuncia è stata presentata dall’uomo martedì 2 ottobre alla corte del Kentucky, stato centro orientale degli Usa. L’ex soldato ha affermato che nell’ospedale dei veterani di Lexington un’infermiera gli ha ripetutamente applicato impacchi di ghiaccio sul pene. Il tutto dopo l’intervento chirurgico appena subito.

A causa degli impacchi, sostiene l’ex miliare, il suo pene si è congelato e incancrenito, tanto che per salvargli la vita è stato necessario amputargliene una porzione significativa. Secondo gli avvocati dell’ex soldato, il pene è rimaso avvolto nel ghiaccio per 19 ore dopo l’intervento chirurgico. La Corte ora esaminerà la richiesta.