Philip Morris: arriva l’ok per la vendita del sistema Iqos negli Usa

di Redazione Blitz
Pubblicato il 2 maggio 2019 16:00 | Ultimo aggiornamento: 2 maggio 2019 16:00
 Philip Morris: arriva l'ok per la vendita del sistema Iqos negli Usa

Philip Morris: arriva l’ok per la vendita del sistema Iqos negli Usa

ROMA –  Via libera dalla autorità Usa alla commercializzazione negli Stati Uniti del “Sistema di riscaldamento del tabacco” Iqos prodotto dalla Philip Morris International. Quest’ultimo, a differenza di quanto avviene con il consueto uso delle sigarette, scalda ma non brucia il tabacco, generando quindi un aerosol contenente nicotina. Con un comunicato, la società rileva come si tratti del primo sistema elettronico per il riscaldamento del tabacco a ricevere l’autorizzazione al commercio dalla Food and Drug Administration. 

Il via libera è giunto in seguito a un rigoroso processo di verifica basato su evidenze scientifiche condotto secondo la procedura della Pmta (richiesta per l’immissione sul mercato). L’Fda, si legge, ha deciso l’ok perché giudica l’Iqos uno strumento adeguato ai fini della protezione della salute pubblica in quanto produce un quantitativo minore e livelli più bassi di sostanze tossiche rispetto alle sigarette combuste. 

Philip Morris sottolinea come il via libera sia molto importante per l’Italia dal momento che i prodotti a tabacco riscaldato autorizzati saranno inizialmente prodotti da Philip Morris International a Bologna, dove ha sede il primo e più importante impianto industriale dell’azienda interamente dedicato ai prodotti innovativi (l’impianto produttivo, sito a Crespellano, e stato realizzato grazie a un investimento industriale da oltre 1 miliardo di euro, che ha previsto oltre 1200 nuove assunzioni).

Una prospettiva di crescita per Philip Morris Manufacturing & Technology Bologna, e per l’intero sistema produttivo ad essa collegato, se si considera che il mercato americano rappresenta il più grande mercato al mondo dopo la Cina. La Fda, prosegue il comunicato, ha avuto evidenza del fatto che l’aerosol prodotto dal sistema di riscaldamento del tabacco Iqos contiene meno sostanze chimiche tossiche rispetto al fumo di sigaretta. Ad esempio, l’esposizione al monossido di carbonio dall’aerosol di Iqos è paragonabile all’esposizione ambientale, e i livelli di acroleina e formaldeide sono inferiori rispettivamente tra l’89% e il 95% e tra il 66% e il 91% rispetto alle sigarette combuste.

Inoltre, i livelli di nicotina forniti da Iqos sono vicini a quelli delle sigarette combuste, un fattore che suggerisce la probabilità che gli utilizzatori possano essere in grado di passare completamente dalle sigarette combuste a un uso esclusivo di Iqos, rileva ancora la società. L’autorizzazione dei nuovi prodotti del tabacco non significa che siano sicuri, ma il processo di verifica assicura che la commercializzazione di tali prodotti sia appropriata per la protezione della salute pubblica, tenendo conto dei rischi e dei benefici per la popolazione nel suo complesso.