Pianeta Terra: domani 7, 5 mld di umani. Se vivono come europei c’è posto per 2/3 mld

di Riccardo Galli
Pubblicato il 18 luglio 2018 8:52 | Ultimo aggiornamento: 18 luglio 2018 9:55
Pianeta Terra popolazione: domani 7, 5 mld di umani. Se vivono come europei c'è posto per 2/3 mld

Pianeta Terra: domani 7, 5 mld di umani. Se vivono come europei c’è posto per 2/3 mld (foto Ansa)

ROMA – Pianeta Terra: domani 7,5 miliardi di umani, domani giovedì 19 luglio 2018 la popolazione di umani toccherà questa cifra tonda [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui,- Ladyblitz clicca qui –Cronaca Oggi, App on Google Play]. Il calcolo, meglio dire la stima, è del World Population Balance. L’Onu stima a sette miliardi e mezzo di umani si sia già arrivati lo scorso anno, altre organizzazioni spostano l’appuntamento con quota 7,5 miliardi a fine anno in corso, inizio del prossimo. Ovviamente nessuno dispone di un contatore preciso fino all’ultima nascita. Perché sarebbe letteralmente impossibile. Impossibile contarle una per una e per così dire in diretta perché la velocità delle nascite di fatto non lo consente.

La popolazione di umani sul pianeta Terra aumenta al ritmo di 140 unità al minuto. Ogni ora fa 8.400 persone in più. Ogni giorno ci sono duecentomila umani più del giorno prima. In un anno popolazione planetaria cresce di 73 milioni e mezzo di uomini e donne, cioè ogni anno sulla Terra c’è tutta la popolazione di un paese come l’Italia in più. Anzi, un’Italia in più e avanzano 13 milioni di persone. Quindi un’Italia più una Svizzera e una Croazia per aggiunta.

Attenzione, questi non sono i dati delle nascite, sono i dati del saldo tra nascite e morti. Il saldo tra quanti umani nascono e quanti ne muoiono è più 140 al minuto e via conteggiando. Questa è la velocità dell’incremento della popolazione. Per dare un’idea: domani gli umani saranno il doppio di quanti erano nel 1970, cioè 48 anni fa. E domani saranno il quadruplo di quanti erano nel 1910, cioè 108 anni fa.

Una popolazione che quadruplica in un secolo e raddoppia in mezzo secolo può continuare a crescere di numero a questo ritmo? Nonostante negli ultimi anni la percentuale di nati per donna fertile sia in leggero calo su scala mondiale, il ritmo demografico del pianeta Terra è tale che nel 2.090 si calcola che saranno 11 i miliardi di umani.

Unici miliardi di umani tra 70 anni, sette miliardi di umani domani: ci stanno, per così dire c’entrano sul pianeta? La Terra ha la capienza ambientale, economica, alimentare per ospitarli? La risposta è drammaticamente semplice.

Per capire qual è la risposta, eccola formulata in termini familiari. Se gli umani, se gli abitanti del pianeta Terra vivono e consumano ai livelli a noi noti, insomma come europei, sul pianeta Terra c’è spazio per due/tre miliardi di umani appunto. Se ci si nutre, veste come noi, se si brucia energia come noi, se si produce e consuma ai nostri livelli di reddito, già sette miliardi e mezzo di umani nella Terra non ci stanno. A questi livelli, al nostro livello, a livello di europei ce ne sta sul pianeta neanche la metà. Livello europeo, si consideri che un americano pesa sulla Terra per circa il doppio.

Quindi, a meno di autentici miracoli della scienza e della tecnologia, sette, otto, nove e passa miliardi di umani sul pianeta Terra significano, comportano, annunciano danni, ferite, guai se non addirittura disastri ambientali. E significano, annunciano, comportano incrementi dei tassi di povertà. Ambiente, habitat spremuti come limoni, fino alla buccia secca e miliardi di persone che sopravvivono a fatica. Se sopravvivono.

Ma succederà domani. O sta già succedendo? Se al massimo tre miliardi di umani possono vivere al nostro livello di vita e se sul pianeta Terra siamo già più del doppio, dice questo qualcosa sul perché centinaia di milioni si spostano o provano a farlo?