Pirati Somalia/ Blitz delle teste di cuoio americane: liberato il capitano Richard Philips, tre sequestratori uccisi, uno catturato

Pubblicato il 12 Aprile 2009 21:16 | Ultimo aggiornamento: 12 Aprile 2009 22:49

phillipsUn commmando di teste di cuoio americane con un blitz ha salvato Richard Phillips, il comandante del mercantile Maersk Alabama, attaccato mercoledì dai pirati somali nel golfo di Aden e sfuggito al sequestro grazie alla rivolta dell’equipaggio, tutto americanoPhillips è ora al sicuro su una nave da guerra Usa.

Il blitz delle forze speciali della marina Usa è stato ordinato dal presidente Barack Obama. Lo riferiscono fonti delle forze armate americane specificando che il presidente ha anche autorizzato i Navy Seals a eliminare i pirati. Per Obama si tratta della prima prova di forza da quando si è insediato alla Casa Bianca.

 

Il comandante Phillips si era offerto in ostaggio ai pirati, in cambio della libertà per la nave e il suo equipaggio ed era rimasto prigioniero dei bucanieri, che l’avevano trascinato con loro su una scialuppa di salvataggio. L’imbarcazione ha vagato senza carburante alla deriva per 300 miglia, fino ad arrivare in vista dela costa, seguita costantemente da due navi da guerra Usa.

Domenica pomeriggio l’attacco delle forze speciali Usa. La notizia è stata data dalla Cnn che ha citato una fonte non identificata del Pentagono. L’emittente ha specificato che dei quattro pirati che tenevano prigionieri Phillips tre sono stati ammazzati, il quarto è stato catturato.