Pitcairn. Discendenti ammutinati Bounty se ne vanno dopo scandalo sessuale

Pubblicato il 18 febbraio 2015 18:42 | Ultimo aggiornamento: 18 febbraio 2015 18:42
Pitcairn Island sperduta nel Pacifico

Pitcairn Island sperduta nel Pacifico

GB, PITCAIRN ISLAND – Si sta spopolando il minuscolo e remoto territorio britannico di Pitcairn Island nell’Oceano Pacifico meridionale  scelto dagli ammutinati del Bounty nel 1790. I loro discendenti infatti sono sempre meno: si contano in tutto 50 abitanti.

Secondo il sito del Daily Telegraph, fra le ragioni di questo fenomeno c’è lo scandalo sessuale che negli anni scorsi ha colpito l’isola, con diverse condanne al carcere per gli abusi compiuti a danno di minori e andati avanti per 40 anni.

La ridente ‘colonia’ di sua maestà, nella quale trovarono rifugio i marinai guidati da Fletcher Christian, comandante in seconda del vascello Bounty,  interpretato da Marlon Brando in un celebre film hollywoodiano, è considerata una sorta di paradiso in Terra, per il suo mare incontaminato e il clima tropicale (d’inverno la temeratura media è di 25 gradi).

Ma la popolazione negli ultimi tempi è diminuita sensibilmente: l’ultimo bambino è nato quattro anni fa e l’età media dei residenti è di 50 anni.

Le autorità locali hanno anche cercato, tramite una campagna, di rilanciare l’immagine dell’isola dopo lo scandalo sessuale e di attirare nuovi abitanti con l’obiettivo di portare il numero dei residenti a 80.

Ma solo una persona ha risposto all’appello per trasferirsi sulla sperduta isola, che si trova a tremila chilometri dalla Nuova Zelanda e a mille da Tahiti e dove per i rifornimenti via mare – Pitcairn non ha una pista di atterraggio -bisogna attendere almeno due mesi.