Poeta britannico di colore scopre che antenati erano schiavi e alcuni proprietari di schiavi

di Caterina Galloni
Pubblicato il 28 Luglio 2020 6:30 | Ultimo aggiornamento: 27 Luglio 2020 18:59
Poeta britannico di colore scopre che antenati erano schiavi e alcuni proprietari di schiavi

Poeta britannico di colore scopre che antenati erano schiavi e alcuni proprietari di schiavi (Nella foto Ansa, la bandiera confederata)

Il poeta di colore britannico Malik Al Nasir, nato nel 1966 a Toxteth, Liverpool, a 30 anni aveva deciso di scoprire le proprie radici familiari.

Malik Al Nasir è rimasto scioccato quando ha scoperto che i suoi antenati erano degli schiavi, mentre alcuni al contrario commercianti di schiavi.

Tra i suoi avi ci sono anche William Ewart Gladstone, primo ministro del Regno Unito, e Andrew Watson, primo calciatore di colore ad aver giocato nella nazionale scozzese.

Al Nasir, vittima di abusi razzisti, a 30 anni vide una foto del calciatore, notò una certa somiglianza e da quel momento iniziò la ricerca.

Con stupore ha scoperto che non solo discende dagli schiavi africani, ma è anche imparentato, seppure alla lontana, con l’ex primo ministro William Gladstone.

La madre di Al Nasir era del Galles mentre il padre della Guyana britannica e durante la seconda guerra mondiale aveva prestato servizio nella Royal Navy.

L’interesse di Malik al Nasir per i propri antenati

Al Times ha detto: “Non mi sarei mai aspettato di trovare primi ministri, sindaci e alti sceriffi. Ora sono concentrato su di loro, sulle loro piantagioni e gli interessi economici”.

“Ho fatto ciò che fino a oggi nessuno è stato in grado di fare. Creare le interconnessioni di questi personaggi e mostrare un’immagine del loro commercio. Attualmente sono all’epicentro della tratta di schiavi”.

In un documentario su Watson scoprì che discendeva da suo zio, un proprietario di schiavi, ed era cugino di terzo grado.

Ma non solo scoprì che i parenti vivevano ancora sui terreni che avevano fatto parte della piantagione un tempo gestita dagli antenati per l’azienda agricola della sua famiglia.

Le scoperte sul passato: antenati schiavi

Spiegando i legami con il proprietario di schiavi ha detto: “Era consuetudine per i ricchi della borghesia mercantile prendere una donna di colore, che sarebbe stata la moglie sotto tutti gli aspetti ma che non avrebbe mai partecipato alle cene formali. La ragione è che circolavano molte malattie veneree. Potevano fare qualunque cosa volessero con gli schiavi”.

Al Nasir ha aggiunto che i bambini di razza mista nati da queste relazioni avevano una parte dell’eredità e un’educazione privilegiata.  

Watson aveva frequentato la scuola pubblica e Al Nasir ha scoperto che i suoi parenti bianchi nella Guyana britannica, Liverpool e Glasgow hanno realizzato grandi fortune attraverso la proprietà e la gestione di piantagioni, in cui lavoravano gli schiavi per produrre zucchero, rum e cotone.

Nel 1825, l’azienda di famiglia Sandbach aveva un patrimonio di oltre mezzo milione di sterline.

I Watson discendevano dalla famiglia di George Robertson, uno dei fondatori dell’azienda.

Samuel Sandbach, sindaco di Liverpool nel 1831, sposò una donna della famiglia Robertson, e Anne MacKenzie Robertson, cugina alla lontana, era sposata con un proprietario di schiavi, Sir John Gladstone e dunque la madre del primo ministro. (Fonte: Daily Mail)