Polizia lascia valigia con esplosivo in aeroporto: passeggera la trova per caso

di Redazione Blitz
Pubblicato il 11 settembre 2014 15:49 | Ultimo aggiornamento: 11 settembre 2014 15:49
Polizia lascia valigia con esplosivo in aeroporto: passeggera la trova per caso

Polizia lascia valigia con esplosivo in aeroporto: passeggera la trova per caso

SIDNEY – Una valigia carica di esplosivo abbandonata in aeroporto per un mese. Se l’è scordata un poliziotto e a trovarla, per puro caso, è stata una passeggera. E’ successo all’aeroporto di Sidney, in Australia. La valigia, piena di esplosivi al plastico, era destinata all’addestramento di cani poliziotto ma evidentemente non è mai giunta a destinazione.

Fin quando il personale dell’aeroporto non ha pensato di offrirla, quattro settimane più tardi, a una passeggera, come risarcimento perché il suo trolley aveva subito dei danneggiamenti. Ma una volta giunta a casa, la donna si è accorta del pericoloso bagaglio che trasportava: 230 grammi di esplosivo semisolido.

Di qui la corsa alla prima stazione di polizia, che è stata immediatamente evacuata non appena la donna ha mostrato loro il contenuto della valigetta. Agenti e polizia federale si sono poi scusati, assicurando che l’esplosivo non era detonabile: l’agente smemorato è stato perciò identificato e dovrà ora rispondere alle domande degli ispettori incaricati di istruire un’inchiesta interna.

Secondo quanto riportato dalla stampa australiana, l’addestramento al quale la valigetta era destinato sarebbe avvenuto il 14 agosto scorso. E nessuno ne ha notato la mancanza fino a martedì 9 settembre quando è stata ritrovata.