Preti pedofili, nuovo caso in Florida. L’avvocato della vittima: “Benedetto XVI in Tribunale”

Pubblicato il 31 Marzo 2010 12:53 | Ultimo aggiornamento: 31 Marzo 2010 12:57

Una donna della Florida afferma di essere stata vittima di abusi sessuali da parte di un prete e ora, tramite il suo avvocato, chiama in causa Benedetto XVI e il Vaticano accusandoli di aver protetto il sacerdote. La donna ora fa sapere di volere essere risarcita con 20 milioni di dollari.

Gli avvocati di questa nuova vittima hanno spiegato che la loro cliente non vuole svelare la propria identità ed hanno consegnato alla France presse dei documenti che attestano come il nunzio apostolico – ossia il rappresentante del papa negli Stati Uniti – aveva chiesto alla chiesa di Miami in Florida di proteggere padre Ernesto Garcia Rubio, l’uomo di Chiesa incriminato.

Quest’ultimo aveva dovuto lasciare Cuba nel 1968 dopo problemi di “natura morale”: «È stato in carica in una parrocchia a Miami per trent’anni e siamo stato al corrente di decine di vittime dei suoi abusi durante tutto questo tempo» ha indicato Jessica Arbour, legale della vittima che denuncia di essere stata sessualmente molestata quando era adolescente tra il 1985 e il 1987. Ha denunciato l’arcidiocesi di Miami e ha chiesto 20 milioni di dollari di danni e interessi: «C’è stato ovviamente uno sforzo concertato, a tutti i livelli, dal Vaticano all’arcidiocesi di Miami passando per la diocesi di Cuba, per proteggere questo prete«, ha aggiunto.

L’avvocata accusa anche papa Benedetto XVI, quando era prefetto della congregazione per la dottrina della fede (dal 1981 al 2005), di aver «protetto i pedofili a spese dei parrocchiani e delle loro famiglie». Questa accusa è la terza in una settimana che afferma che il papa, all’epoca cardinale Ratzinger, avrebbe chiuso gli occhi su scandali di pedofilia fra i sacerdoti.