Principe Harry si confessa: “L’esercito mi ha tenuto fuori dai guai”

di redazione Blitz
Pubblicato il 17 Maggio 2015 17:42 | Ultimo aggiornamento: 17 Maggio 2015 17:42
Principe Harry si confessa: "L'esercito mi ha tenuto fuori dai guai"

Principe Harry si confessa: “L’esercito mi ha tenuto fuori dai guai”

LONDRA – “L’Esercito mi ha tenuto fuori dai guai”. Tempo di confessioni per il trentenne principe Harry che al termine della sua visita in Nuova Zelanda continua a parlare con la stampa. Di tutto. Della sua vita da single che ora comincia a meditare l’idea di avere un figlio. Ma anche di quella privata, più intima. E delle sue scelte. A cominciare da quella di abbracciare la carriera nell’esercito, da cui si è congedato solo poco tempo fa. Una decisione, quella di indossare la divisa dell’esercito di Sua Maestà che, racconta in un’intervista al Sunday Times, gli ha dato la possibilità di “sfuggire dalla ribalta”.

“Certamente, senza dubbio, mi ha tenuto fuori dai guai, ho paura di pensare dove sarei senza esercito”, ha detto il secondogenito della principessa Diana e ora, dopo la nascita della nipotina Charlotte, quinto nella successione al trono d’Inghilterra.

Alla fine della sua decennale carriera militare che lo ha visto in Afghanistan, in Australia in varie unità a Darwin, Perth e Sydney fra cui le forze speciali Sas e quelle aborigene Norforce, Harry rivendica con orgoglio la sua scelta. E la consiglia anche ai piccoli nipotini George e Charlotte: sarebbe “buona cosa se un giorno decidessero di entrare nelle forze armate” perché aiuta anche a far fronte alle pressioni che ha chi cresce nella famiglia reale, spiega, dicendosi certo che anche il fratello William condividerebbe tale scelta.

Qualche giorno fa, sempre dalla Nuova Zelanda, aveva rivelato che vorrebbe avere figli e che si avvicina anche per lui il tempo di mettere su famiglia pur senza forzare i tempi. Ma in questa seconda intervista sembra fare un passo indietro: “Sono molto felice di non avere una fidanzata“, ha scherzato con chi gli faceva notare il successo che riscuote nel mondo femminile. Anche in Nuova Zelanda dove in tante si sono accalcate per vederlo.

Harry che vorrebbe trascorrere la prossima estate in Africa a lavorare con associazioni per la conservazione degli animali, il “sogno della mia vita’”, ha risposto anche ad alcune domande sul padre Carlo. Commentando la recente pubblicazione delle sue lettere private inviate tra il 2004 e il 2005 all’allora premier Tony Blair e ai suoi ministri. “Mio padre raramente viene realmente ascoltato, il che è deludente, perché quello che dice di solito è giusto, con circa 10 anni di anticipo rispetto a quando i problemi realmente accadono”.