Professoressa ha rapporto con studente minorenne, lui filma tutto

di Redazione Blitz
Pubblicato il 25 settembre 2018 20:19 | Ultimo aggiornamento: 25 settembre 2018 20:19
professoressa utah

Professoressa ha rapporto con studente minorenne, lui filma tutto

WASHINGTON – Ha avuto rapporti sessuali con due suoi studenti minorenni, inducendoli anche a bere alcolici. Per questo motivo, una giovane professoressa dello Utah, negli Stati Uniti, è stata condannata a cinque anni, ma per il momento, dopo essere stata detenuta per circa sette mesi, non tornerà in carcere.

La 29enne Sarah Lewis, insegnante e moglie di un poliziotto, era stata denunciata nel gennaio 2017, in seguito alla diffusione di un filmato che la immortalava mentre si scambiava effusioni con un suo studente di 17 anni.

Il video era stato girato di nascosto dall’adolescente, che poi lo aveva inviato agli amici. Immediatamente fermata, in quell’occasione l’insegnante aveva confessato tutto: “Mio marito non era in casa, io ero ubriaca e annoiata, quel ragazzino era consenziente ed è successo una sola volta”.

Poche settimane dopo, però, un altro studente, anche lui 17enne, aveva denunciato alla polizia di essere stato adescato dalla professoressa con un invito a casa per un party alcolico. L’episodio sarebbe avvenuto ancora prima del rapporto sessuale avuto con l’altro studente.

L’invito a casa, da parte della professoressa, era giunto attraverso un’immagine della donna con una bottiglia di vodka e la frase “Facciamo festa!”. Quel file era stato inviato dalla Lewis al suo studente tramite l’app di Snapchat.

Subito dopo l’arresto, in attesa del processo, Sarah Lewis era stata detenuta in carcere con diverse accuse: rapporto sessuale con minore, violazione delle norme sull’età legale per l’alcol e perfino possesso di droga. Nella sua casa, infatti, è stata rinvenuta della metanfetamina.

Alla fine, la donna è stata condannata a cinque anni, prorogabili fino a sei in caso di nuove violazioni delle leggi antidroga, ma con la sospensione condizionale della pena che ha evitato alla 29enne il ritorno in carcere.