Idi, Profiti al cardinal Bertone: “Ci han dato i soldi, riprendiamo l’ospedale”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 20 Giugno 2015 9:25 | Ultimo aggiornamento: 20 Giugno 2015 9:26
Profiti al cardinal Bertone: "Ci han dato i soldi, riprendiamo l'ospedale"

Il cardinale Tarcisio Bertone (Foto Lapresse)

CITTA’ DEL VATICANO –  “Un’operazione finanziaria illegale organizzata da alti prelati vaticani senza informare papa Francesco”: secondo quanto scrive Fiorenza Sarzanini sul Corriere della Sera citando i magistrati di Trani, sarebbe questa la “manovra opaca” che si tenne un anno fa, nascondendo al Pontefice quale fosse la reale destinazione di quei 30 milioni di euro stanziati dalla commissione Bilancio del Senato, presieduta da Antonio Azzollini, per l’ospedale Bambino Gesù.

Scrive Sarzanini:

“Secondo quanto risulta dalle conversazioni è Giuseppe Profiti, all’epoca presidente del nosocomio pediatrico, ad accordarsi con il cardinale Giuseppe Versaldi, ora prefetto dell’Educazione cattolica e allora presidente della Prefettura degli Affari economici della Santa Sede, per dirottare i fondi all’istituto Idi, prossimo al fallimento. Ma tenendo costantemente informato l’ex segretario di Stato Tarcisio Bertone. E addirittura raccontando ai propri collaboratori — in maniera quasi derisoria — i suoi colloqui riservati con Bergoglio.

Riguardo a quei 30 milioni di euro stanziati nella Legge di Stabilità Profiti, in una conversazione con il cardinale Tarcisio Bertone del 24 dicembre 2013, gli avrebbe detto che quei soldi saranno utilizzati per l’Idi:

«Visto che l’aggiorno così poi le arriverà il solito memo che le mando… è finita la legge di Stabilità. Ci hanno dato quei soldi in più, che ci serviranno per salvare l’Idi come d’accordo, per riprenderci l’Idi soltanto». In quello stesso periodo, il 6 dicembre, Profiti parla con Massimo Spina, capo della direzione Amministrazione e Finanza del Bambino Gesù, e lo informa: «Ho fatto il giro con il centrosinistra che era molto arrabbiato con noi perché noi dovevamo andare in amministrazione straordinaria».