Qantas, passeggera protesta: “Si rivolga a me come dottoressa, non come signora”

di redazione Blitz
Pubblicato il 11 settembre 2018 6:30 | Ultimo aggiornamento: 10 settembre 2018 17:57
Quantas, passeggera protesta: "Si rivolga a me come dottoressa, non come signora"

Quantas, passeggera protesta: “Si rivolga a me come dottoressa, non come signora” (Foto Instagram)

SYDNEY –  Un assistente di volo della compagnia aerea australiana Qantas si è rivolto erroneamente a Siobhan O’Dwyer, docente universitaria britannica, con un “signora” e non come “dottoressa” e lei risentita ha scritto un post su Twitter che invece della solidarietà ha scatenato l’ilarità e alcuni “commenti” abbastanza odiosi” da parte del web.

La O’Dwyer, che ha un dottorato in filosofia ed è una docente alla facoltà di medicina dell’Università di Exeter, ha sostenuto che se fosse stata un uomo l’episodio non si sarebbe mai verificato. Nel post ha scritto: “Hey @Qantas, mi chiamo dr. O’Dwyer. Sul mio biglietto c’è scritto dr. O’Dwyer. Non ho trascorso otto all’anni all’università per essere chiamata miss”.

Il post è diventato virale, la O’Dwyer ha detto di aver ricevuto commenti “abbastanza odiosi”, alcuni l’hanno accusata di egocentrismo, poiché non era “il primo problema al mondo”, scrive il Daily Mail.  La O’Dwyer ha osservato con i suoi follower: “Ho ricevuto sconcertanti commenti al vetriolo” e ha difeso la sua posizione: non si trattava di egocentrismo ma “di mettere in evidenza uno dei mille casi di sessismo che le donne affrontano quotidianamente”.

5 x 1000

Dopo il reclamo a Qantas alcune persone hanno dato sostegno alla O’Dwyer, un utente ha scritto: “Wow, le risposte a quanto ha scritto sono un mix di anti-intellettualismo e sessismo. Mentre un’altra utente ha sottolineato il pesante onere amministrativo di un semplice cambio da “miss” a “dr”.