Ramallah, Cisgiordania: concerto Lgbt della comunità palestinese annullato, Hamas dice no, un poster li offende

A Ramallah in Cisgiordania un concerto della comunità palestinese Lgbt non si può fare. I bigotti strumentalizzano la protesta religiosa

di Redazione Blitz
Pubblicato il 20 Giugno 2022 - 10:28
ramallah concerto lgbt hamas

Ramallah, Cisgiordania: (Ansa)

Ramallah, Cisgiordania: concerto Lgbt annullato. Un concerto della comunità Lgbt palestinese che doveva tenersi venerdì in un circolo culturale di Ramallah (Cisgiordania) è stato annullato all’ultimo momento in seguito alle contestazioni di un gruppo di attivisti guidati da un esponente di Hamas. Lo ha riferito il Jerusalem Post.

Ramallah, Cisgiordania: concerto Lgbt annullato

Secondo il giornale a suscitare la ostilità dei contestatori è stata in particolare la presenza del musicista di Gerusalemme est ed attivista politico Bashar Murad.

Nel poster di presentazione dell’evento questi compariva mentre indossava vestiti in apparenza effeminati ed un voluminoso mazzo di fiori.

Il Jerusalem Post ha appreso che fra i contestatori del concerto spiccava il figlio di un dirigente di Hamas che ha sollecitato i presenti a non andare contro i dettami dell’Islam e ad annullare il concerto.

“Anche in segno di rispetto verso il sangue di tre martiri”

“Anche in segno di rispetto verso il sangue di tre martiri”, ossia di tre miliziani uccisi poche ore prima da militari israeliani nella città cisgiordana Jenin. In quelle condizioni, conclude il giornale, il concerto degli Lgbt non ha potuto svolgersi.

Murad gode di notorietà internazionale ed in passato ha collaborato con il complesso islandese di techno-punk Hatari.