Regina Elisabetta sul trono da 67 anni ma…famiglia reale potrebbe essere illegittima

di Caterina Galloni
Pubblicato il 14 Luglio 2019 5:00 | Ultimo aggiornamento: 12 Luglio 2019 19:42

Ritratto della Regina Elisabetta Ii e della famiglia reale (Credit ANSA)

ROMA – Nella storia britannica, il regno di Elisabetta II è il più lungo di sempre. La 93enne sovrana detiene, e non lo molla, lo scettro da quasi 67 anni e quando sarà il momento succederà Carlo, l’eterno erede al trono ormai 70enne. 

La Royal Family è famosa, nessuno ha dei dubbi sul loro futuro né sul loro lignaggio ma nelle loro vene non è detto che scorra “sangue reale” , indispensabile per mantenere la privilegiata posizione. La famiglia e il lignaggio della regina Elisabetta sono sicuramente legati ai reali: la sovrana è una discendente diretta della regina Vittoria, figlia di un re e di discendenza reale tedesca.

Il marito Filippo è nato come principe di Grecia e Danimarca e quando ha sposato Elisabetta ha rinunciato al titolo. 
Il “sangue reale” della Royal Family britannica probabilmente deriva dalla stirpe di Guglielmo il Conquistatore (1066 d.C.). Nonostante la tracciabilità di questa discendenza, la scoperta dei resti di Riccardo III in un parcheggio di Leicester nel 2012 potrebbe aver minato la certezza del lignaggio.

5 x 1000

Gli scienziati per l’identificazione avevano utilizzato il DNA mitocondriale, passato dalla madre e dimostrato che i resti erano proprio quelli di Riccardo III. Ma sono andate avanti anche altre analisi genetiche e gli esperti hanno deciso di comparare il cromosoma Y del re ritrovato sotto il parcheggio e quello di cinque individui anonimi imparentati con Henry Somerset (1744-1803), V° duca di Beaufort, che asseriva di essere un discente di Edoardo III, il bis bisnonno di Riccardo. Visto che il cromosoma Y viene trasmesso da padre a figlio doveva risultare simile a quello dei discendenti di Henry.

Ma, colpo di scena, i risultati dei test genetici hanno evidenziato che non c’era nessuna somiglianza tra i due termini comparati. Ciò significherebbe che ad un certo punto della storia della stirpe reale britannica, un figlio illegittimo nato dalla relazione clandestina di una nobildonna era diventato re e trovare il punto di discontinuità potrebbe avere risvolti notevoli.

Senza riesumare più corpi gli scienziati non hanno potuto stabilire quando esattamente il figlio illegittimo fosse salito trono. Tuttavia, se la discontinuità fosse avvenuta all’incirca all’epoca di Edoardo III (1312-1377), ciò creerebbe un problema all’attuale Royal Family. Sebbene sia improbabile, la certezza dei reali di poter rivendicare il trono in futuro potrebbe essere messa in discussione. (Fonte: topbuzz.com)