Ricerca con staminali embrionali, Corte Suprema Usa: “Sì ai finanziamenti”

Pubblicato il 8 Gennaio 2013 18:51 | Ultimo aggiornamento: 8 Gennaio 2013 18:51
Ricerca con staminali embrionali, Corte Suprema Usa: "Sì ai finanziamenti"

La Corte Suprema degli Stati Uniti (Foto Lapresse)

WASHINGTON – La ricerca sulle cellule staminali embrionali va finanziato dal governo: a dirlo è la Corte Suprema degli Stati Uniti, che ha così bocciato il ricorso di alcuni scienziati contro il finanziamento pubblico per questo tipo di ricerca.

Negli Stati Uniti il governo di George W. Bush aveva vietato i finanziamenti con fondi federali agli studi che si servivano di staminali embrionali.

Secondo la visione più conservatrice gli embrioni sono già esseri umani in potenza, e uccidendo gli embrioni non si salvaguarda la vita. La visione più progressista ritiene invece che l’essere umano si formi più avanti nel tempo, e che usare le cellule staminali quando ancora sono allo stato embrionale (cioè sono cellule primitive che ancora devono specializzarsi nei diversi tipi di cellule del corpo umano) sia fondamentale per trattare e curare certe malattie anche molto gravi.

Con l’arrivo del democratico Barack Obama alla Casa Bianca la linea del governo è cambiata. Il divieto di finanziamenti pubblici è stato eliminato e sono state definite delle regole per consentire la riproduzione in modo controllato.

Così la decisione della Corte Suprema è stata accolta positivamente da Washington: “Anche se non sappiamo esattamente quello che ci permetterà di scoprire l’uso delle staminali embrionali, è giusto continuare le ricerche per dare speranza a molti malati”, ha spiegato la portavoce Stephanie Cutter, ricordando come Obama abbia “lottato a lungo per sostenere la ricerca sulle cellule staminali”.