Russia, costruisce finta frontiera con la Finlandia e truffa migranti: arrestato

di Redazione Blitz
Pubblicato il 5 Dicembre 2019 14:22 | Ultimo aggiornamento: 5 Dicembre 2019 14:22
Bosco, Ansa

Un bosco innevato (foto d’archivio Ansa)

ROMA – Con delle recinzioni costruisce una finta frontiera vicino al confine tra la Russia e la Finlandia e poi promette a quattro migranti provenienti dall’Asia meridionale di farli entrare all’interno dell’Unione europea pagando oltre 10mila dollari. Ma per lui, un uomo dell’Asia centrale di cui non si conoscono ancora le generalità, non è finita bene. Anzi. L’uomo, infatti, è stato arrestato.

Tutto è successo lo scorso giovedì. Giovedì 28 novembre. Almeno così riportano le cronache locali. Secondo l’agenzia di stampa russa Interfax, l’uomo ha portato il gruppo nella finta frontiera dopo un lungo e tortuoso giro in mezzo ai boschi poco vicine al confine con la Finlandia.

Il piano dell’uomo, infatti, era quello di simulare il passaggio del confine per poi abbandonare il gruppo nel nulla.

Superata la frontiera finta, il gruppo di quattro migranti è stato però fermato quando si è trovato di fronte al vero posto di frontiera tra Russia e Finlandia. Così alla fine anche l’organizzatore della truffa è stato arrestato. Il tribunale di San Pietroburgo ha già multato i quattro migranti e ha ordinato la loro espulsione, mentre l’uomo che ha organizzato la truffa rischia al momento un processo per reati più gravi.

Fonte: Today, Interfax,