Russia, bimba di 4 anni picchiata a sangue con la cintura: “Non sa contare”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 22 aprile 2018 6:22 | Ultimo aggiornamento: 20 aprile 2018 20:57
Russia, il patrigno orco picchia la bambina di 4 anni con una cintura

Russia, il patrigno orco picchia la bambina di 4 anni con una cintura

MOSCA – Le immagini scioccanti di un patrigno orco che picchia Lera, una bambina indifesa di 4 anni con una cintura, colpendola per ben 15 volte.

Bakhram, 20enne russo, ha provocato dolorose ferite alla bambina soltanto perché quando le aveva ordinato di contare “fino a cinque”, la piccola non l’aveva fatto, probabilmente bloccata dalla paura.
L’uomo, che nel video girato dalla polizia appare in manette, ha mostrato agli agenti come aveva usato la cintura.
Le terribili foto mostrano le ferite riportate dalla bambina sulla testa, la schiena, il torace, l’addome e le braccia.

Tutte le notizie di Blitzquotidiano in questa App per Android. Scaricatela qui

Tutte le notizie di Ladyblitz in questa App per Android. Scaricatela qui

Bakhram, detenuto nella prigione di Krasnoyarsk, ha confessato il crimine e raccontato che prima di picchiarla con la cinta, aveva colpito Lera diverse volte con il flex di un caricabatterie del cellullare, scrive il Daily Mail.
La compagna Maria Belonogova, 31 anni, mamma della piccola, ha assistito in silenzio alle percosse, come riferito dall’uomo agli investigatori.
La Belonogova, che condivideva l’appartamento con Bakhram , 11 anni più giovane, l’ex marito Nikolay, più un altro inquilino, alla polizia ha detto che era “troppo spaventata” per intervenire, temeva che avrebbe picchiato anche lei.

Bakhram, originario dell’Azerbaijan, ha sostenuto che stava “istruendo” Lera e la sorella di sei anni, Elizaveta, risparmiata dalle percosse.
Dopo l’aggressione, la bambina tremava, aveva difficoltà a respirare ma la madre, temendo che andando in ospedale il compagno sarebbe finito in carcere, ha tentato di curarla senza l’aiuto dei medici.
Alexander, l’inquilino, vedendo le condizioni in cui era ridotta la piccola ha immediatamente chiamato la polizia e l’ambulanza.