Russia, ragazza aggredita a San Pietroburgo perché “sembrava lesbica”

di redazione Blitz
Pubblicato il 13 Dicembre 2019 15:27 | Ultimo aggiornamento: 13 Dicembre 2019 15:27
Russia, ragazza aggredita a San Pietroburgo: "Sembrava lesbica"

La ragazza aggredita (Foto Telegram)

MILANO  –   Un gruppo di sette uomini ha attaccato e picchiato una ragazza di 18 anni a San Pietroburgo dopo averla insultata per il suo “aspetto da lesbica”. Lo denunciano i media russi. 

La ragazza, Yekaterina Lysikh, è stata presa di mira dal gruppo insieme a tre amiche. I sette uomini le avrebbero prima insultate per strada e poi le avrebbero seguite in un caffè in cui le ragazze avevano cercato rifugio. 

“Hanno iniziato ad insultarci perché le ragazze che erano con noi avevano un aspetto non tipicamente femminile. Hanno iniziato a dirci cose come: ‘Siete lesbiche?'”, ha raccontato Alina, una delle ragazze del gruppo, a Bumaga. 

Lysikh ha poi sporto denuncia alla polizia mentre si trovava in ospedale. Secondo quanto riportato dal Moscow Times, la polizia avrebbe arrestato tre uomini tra i 16 e i 19 anni per l’aggressione alla ragazza. “Gli arrestati hanno ammesso di non aver gradito il fatto che Yekaterina teneva la mano di un’amica”, ha detto al canale Telegram Baza un amico della vittima. 

Secondo uno studio condotto dal centro LGBT Vykhod, con sede a San Pietroburgo, nel 2018 ci sono stati almeno 149 attacchi omofobi, 62 dei quali in strada. Secondo gli attivisti l’aumento delle violenze di questo tipo è legato alla legge del 2013 sulla “propaganda gay nei confronti dei minori” e ad una retorica anti-gay nella tv di Stato. (Fonte: Moscow Times)