Sana Cheema uccisa in Pakistan, il padre confessa omicidio

di redazione Blitz
Pubblicato il 10 maggio 2018 1:16 | Ultimo aggiornamento: 10 maggio 2018 1:16
Sana Cheema, ragazza uccisa in Pakistan

Sana Cheema, la ragazza uccisa in Pakistan

BRESCIA  – Il padre di Sana Cheema, già in arresto da tre settimane, avrebbe confessato di aver ucciso la figlia, morta in Pakistan lo scorso 18 aprile. Lo riferiscono media pachistani.

L’uomo, cittadino italiano come la figlia, [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui, Ladyblitz – Apps on Google Play] si sarebbe fatto aiutare da uno dei figli maschi per stringere al collo la ragazza fino a romperle l’osso del collo, come evidenziato dall’autopsia eseguita sul corpo della giovane.

La 25enne, cresciuta a Brescia, sarebbe stata uccisa per aver rifiutato un matrimonio combinato. Sana viveva a Brescia e si era recata in Pakistan dalla famiglia. Una volta arrivata, raccontano i suoi amici, ha scoperto che i familiari le avevano combinato il matrimonio e si è opposta fino al tragico epilogo.