Scientology, “Cattedrale misteriosa” in New Mexico

Pubblicato il 2 Gennaio 2013 12:26 | Ultimo aggiornamento: 2 Gennaio 2013 12:29
Scientology, una "Cattedreale aliena" misteriosa in New Mexico

Scientology, una “Cattedreale aliena” misteriosa in New Mexico

Secondo quanto riportato dal The Daily Mail e dal The Sun Scientology, setta ‘para-religiosa’ nata nel 1954, avrebbe costruito una ‘Cattedreale aliena’ nel New Mexico. La base sarebbe in grado anche di resistere ad un attacco nucleare e conterrebbe i testi originali del fondatore di ScientologyL. Ron Hubbard. I leader di Scientology negano ma John Sweeney, reporter della BBC, ne parla nel suo nuovo libro.

Simboli giganti come i famosi cerchi di grano sarebbero il benvenuto in New Mexico, da parte di Scientology agli alieni. John Sweeney, reporter della BBC, diventato popolare proprio per le sue inchieste su Scientology, ha provato a raggiungere questa base. Parte della base sarebbe anche visibile da Google Earth.

Nascosta, a più di 30 miglia dalla città più vicina – Trementina, un paese fantasma – la base è un bunker sotterraneo costruito nel 1980 e resistente abbastanza da resistere “a nuclear holocaust”,ad un olocausto nucleare. I simboli,due cerchi in interconnessione con diamanti nel centro, secondo Scientology “dovrebbero guidare sulla Terra i fedeli che torneranno sulla Terra dopo esser sfuggiti all’Armageddon”. 

Il quotidiano The Sun racconta il viaggio di  Sweeney al sito, noto come ‘Trementina Base’, e riporta un’intervista a un ex membro di Scientology.

“Questo posto è la prova fisica – spiega Sweeneyche Scientology crede negli alieni. Mi piacerebbe sentire Tom Cruise e John Travolta e spiegare perché nascondono questo alle persone”. 

Leggi anche: Scientology, muore misteriosamente il figlio del presidente. Indaga la polizia

Sweeney è stato accompagnato da un ex Scientologist,  Marc Headley, e, dopo aver percorso molti chilometri lungo una strada sterrata, la coppia ha superato una serie di porte in acciaio enormi sorvegliate da due telecamere di sicurezza.

Sweeney sostiene di aver provato ad entrare nella base: “Ho provato ad entrare ma mi hanno risposto che non ero stato invitato. Allora ho chiesto perché hanno costruito una cattedrale aliena”. Il giornalista sostiene di aver ricevuto due telefonate misteriose alla sua camera d’albergo intorno all’una di quella notte per le “quali ritiene che sia responsabile Scientology”. “Cinque anni fa – continua Sweeney –  sono stato sorvegliato da Scientology. Mi hanno inseguito per le strade di Los Angeles”.