Troppe scimmie in città, l’India gli dà la pillola anticoncezionale

di Redazione Blitz
Pubblicato il 18 Novembre 2013 17:08 | Ultimo aggiornamento: 18 Novembre 2013 17:27
Scimmie in una città indiana

Scimmie in una città indiana

NEW DELHI – Pillola anticoncezionale per le scimmie, in città sono troppe. L’India ha deciso d’introdurre un nuovo piano d’intervento contro ”l’invasione” di questi animali nelle metropoli, piano che prevede la somministrazione di dosi massicce di pillole anticoncezionali attraverso il cibo. Secondo quanto scrive The Indian Express, un programma pilota partirà presto nello stato himalayano dell’Uttarakhand dove questi animali rappresentano una piaga per la popolazione locale. Se l’esperimento funziona, potrebbe essere esteso anche in altre località, tra cui New Delhi dove finora è fallito ogni tentativo di eliminare le migliaia di macachi che infestano i ministeri e i palazzi governativi con grossi rischi per i dipendenti pubblici.

L’idea è stata suggerita dal Centro nazionale per la ricerca sui primati della California che all’inizio dell’anno ha stretto un accordo con l’Istituto indiano della fauna selvatica (Wildlife Institute of India) per trovare una soluzione alla sovrappopolazione delle scimmie, un animale ”sacro” per gli induisti che le venerano nei templi. Di fronte all’emergenza e alle aggressioni di orde affamate di macachi, in passato l’amministrazione di New Delhi era corsa ai ripari assumendo ronde di ‘acchiappa-scimmie’ o ‘langur-walla’, ovvero degli addomesticatori di un tipo di babbuino che ha il potere di spaventare gli altri primati, e in particolare la specie ”macaca mulatta”, quella prevalente. Ma il programma è stato sospeso dopo che le autorità indiane hanno proibito il possesso o l’uso dei langur in quanto specie protetta.