“I selfie fanno aumentare i pidocchi”: l’ultima dagli Usa

di redazione Blitz
Pubblicato il 25 febbraio 2014 19:52 | Ultimo aggiornamento: 25 febbraio 2014 19:53
Uno dei selfie più famosi del 2013: quello di alcuni ragazzi con papa Francesco

Uno dei selfie più famosi del 2013: quello di alcuni ragazzi con papa Francesco

WASHINGTON – L’ultimo allarme che arriva dagli Stati Uniti riguarda i selfie, la moda dell’autoscatto: fanno aumentare i pidocchi tra i teenager. Come dire: siccome l’autoscatto è di gran moda tra i ragazzini, e siccome la posa prevede di solito due o più teste ravvicinate davanti a uno smartphone, ecco che i pidocchi così saltellano da una testa all’altra fino a procurare l’allarme degli ambulatori (privati) nati proprio per ripulire bambini e adolescenti dai fastidiosi parassiti.

“Solitamente tratto bambini piccoli, perché per loro c’è un maggiore rischio che le teste vengano a contatto, ma ora gli adolescenti avvicinano le teste ogni giorno per scattare le foto con i cellulari”, ha detto Marcy McQuillian in un’intervista ad un sito di San Francisco, ripresa in un articolo che l’Huffington Post dedica alla vicenda. Anche per un’altra “spidocchiatrice” professionista, di un ambulatorio di Oakland, questa tesi “è plausibile”, dal momento che per la diffusione dei pidocchi è necessario “il contatto diretto”.

Ma c’è chi prende le distanze. Il dottor Richard Pollack, della School of Public Health dell’università di Harvard, responsabile di un sito che aiuta ad identificare e combattere i diversi tipi di parassiti umani, IdentifyUs, ricorda che gli adolescenti hanno sempre avuto i pidocchi e non c’è nessuna prova del legame con gli autoscatti. Per Pollack si tratta di una mossa pubblicitaria di questi centri di rimozione dei pidocchi: “ogni volta che apre un nuovo centro, sembra sempre che ci sia una nuova epidemia, fa bene ai loro affari”.