Siria, Human Rights Watch: almeno 100 morti in esecuzioni sommarie

Pubblicato il 9 Aprile 2012 14:57 | Ultimo aggiornamento: 9 Aprile 2012 15:02

ROMA – Le forze di sicurezza siriana hanno giustiziato in maniera sommaria oltre 100 civili e combattenti dell'opposizione, feriti o catturati durante i recenti attacchi alle citta'. Ad affermarlo e' un rapporto di Human Rights Watch (Hrw), pubblicato oggi.

Nelle 25 pagine dello studio, dal titolo ''A sangue freddo: esecuzioni sommarie delle forze di sicurezza siriane e delle milizie filo-governative'', sono documentati piu' di una dozzina di esecuzioni di massa che hanno coinvolto almeno 101 vittime dalla fine del 2011. Molti si registrano a marzo, mese in cui si sono intensificati gli attacchi.

L'organizzazione ha documentato il coinvolgimento delle forze siriane e delle milizie filo-governative nelle esecuzioni sommarie ed extragiudiziali nei governatorati di Idlib e Homs non solo nei confronti dei combattenti dell'opposizione catturati o che non rappresentavano alcuna minaccia, ma anche nei confronti di civili, tra cui anche donne e bambini.

''In un disperato tentativo di sedare la rivolta, le forze siriane hanno eseguito esecuzioni a sangue freddo, senza preoccuparsi di nascondere le loro responsabilita''', spiega Ole Solvang, ricercatore di Human Rights Watch.