Sochi. Niente tute per atleti Usa fuori gara, Pentagono invia 2 navi da guerra

Pubblicato il 25 gennaio 2014 14:45 | Ultimo aggiornamento: 25 gennaio 2014 14:45

tute2USA, WASHINGTON – Piu’ si avvicinano le Olimpiadi invernali di Sochi, piu’ negli Stati Uniti cresce la preoccupazione per possibili attacchi terroristici durante la manifestazione. Attacchi che potrebbero avere come bersaglio anche cittadini americani. Ecco allora che il Comitato olimpico statunitense ha messo in guardia gli atleti Usa che parteciperanno ai Giochi, invitandoli ad evitare il piu’ possibile di indossare le uniformi ufficiali del team statunitense al di fuori delle zone di gara, quelle in cui l’accesso sara’ consentito solo alle persone accreditate.

Questo per non essere facilmente riconoscibili e diventare facile obiettivo di possibili attentatori. Si tratta di un allerta senza precedenti, commentano gli osservatori. E anche molti atleti, interpellati dai media Usa, affermano di non ricordare in tempi recenti appelli simili alla vigilia di importanti manifestazioni internazionali. Del resto l’allarme e’ grande, nonostante che il premier russo Medvedev, parlando alla Cnn, abbia tentato di rassicurare gli americani sul fatto che le minacce che incombono su Sochi non sono diverse da quelle che sempre riguardano i grandi eventi internazionali.

L’avvertimento del Comitato Olimpico, pero’, sottolinea i timori americani. Tanto piu’ che si basa – come ha appreso il Wall Street Journal – su un memo del Dipartimento di Stato. Memo nel quale e’ scritto a chiare lettere: “Indossare al di fuori dell’area delle gare capi di abbigliamento che rendano evidente l’appartenenza ai team statunitensi puo’ mettere fortemente a rischio la sicurezza personale”. Dunque, niente tute, berretti, gadget e attrezzature ufficiali nei resort, nei ristoranti e in giro per la citta’ di Sochi.

Non solo: il Dipartimento di Stato ha diramato una serie molto ampia e dettagliata di indicazioni e suggerimenti agli atleti per limitare al minimo i pericoli e non diventare un bersaglio per potenziali terroristi ‘a caccia’ di americani. Intanto, come ampiamente annunciato, il Pentagono ha confermato che inviera’ nel Mar Nero due navi da guerra, che potranno servire soprattutto in caso di un’emergenza terrorismo e nell’eventualita’ di una evacuazione di tutti gli americani presenti alle Olimpiadi. Mentre decine di agenti dell’Fbi e dei servizi segreti Usa tra Mosca e Sochi stanno gia’ collaborando con le autorita’ russe sul fronte della sicurezza dei Giochi.