Sorelline trovate morte in un bosco, è caccia al papà in Canada

di Redazione Blitz
Pubblicato il 13 Luglio 2020 18:30 | Ultimo aggiornamento: 13 Luglio 2020 18:30
Sorelline trovate morte in un bosco in Canada

Sorelline trovate morte in un bosco, è caccia al papà in Canada

Tragedia in Canada, dove Romy e Norah Carpentier, sorelline di 6 e 11 anni, scomparse e poi trovate morte in un bosco a Saint-Apollinaire.

Le due sorelline sono state viste l’ultima volta a fare shopping insieme al papà, poi i tre sono rimasti coinvolti in un incidente e se ne sono perse le tracce.

La polizia ha lanciato una caccia all’uomo nei confronti del padre delle vittime.

Gli investigatori credono che Martin sia ancora vivo, avvertendo però che “non sappiamo in quale stato mentale si trovi”, e aggiungendo un appello:

“Chiunque abbia anche la più piccola informazione su di lui non esiti a contattarci”.

La vicenda

Tutto ha avuto inizio giovedì 9 luglio in seguito ad un incidente stradale nel quale sono rimasti coinvolti i tre.

L’auto, che è stata gravemente danneggiata in seguito al sinistro, è stata trovata abbandonata su un’autostrada, ma dell’uomo e delle sue figlie non c’era più traccia.

Le sorelline sono state viste per l’ultima volta mercoledì a fare shopping con il padre.

È stato anche lanciato un Amber Alert, il sistema di allarme nazionale in caso di sospetto rapimento di minore valido negli Usa e in Canada, il più lungo nella storia del Paese.

Ieri, domenica 12 luglio, il ritrovamento de cadaveri delle due sorelline.

I corpi sono stati rinvenuti sabato in una zona boscosa nei pressi di Saint-Apollinaire.

Le forze dell’ordine, insieme ad un centinaio di volontari, stanno concentrando la propria ricerca all’interno di un raggio di 10 chilometri nell’area di Saint-Agapit – Saint-Apollinaire, anche con l’aiuto di droni e ed elicotteri, ma le ricerche del papà sono rese più difficili dal maltempo che in questi giorni sta colpendo la zona. (fonte CTV NEWS)