Spogliato e dato in pasto a 120 cani affamati, così è stato giustiziato lo zio di Kim Jong-un

di Redazione Blitz
Pubblicato il 3 gennaio 2014 12:21 | Ultimo aggiornamento: 3 gennaio 2014 12:21
L'arresto di Jang Song-Thaek durante una riunione del Partito dei Lavoratori

L’arresto di Jang Song-Thaek durante una riunione del Partito dei Lavoratori

ROMA – Lo hanno spogliato e lo hanno dato in pasto a 120 cani affamati. Così è stato ucciso lo zio di Kim Jong-un,  Jang Song-Thaek, definito dal Partito dei Lavoratori traditore della rivoluzione. E mentre i cani mangiavano lui, il dittatore, Kim Jong-un guardava.

Era il suo mentore, ed era diventato la sua ossessione. E’ stato lo stesso Kim Jong-un ad ordinare l’esecuzione, la tortura.  Jang Song-Thaek è stato gettato in una gabbia, insieme ad altri cinque collaboratori poi sono stati fatti entrare 120 cani, tenuti a digiuno per oltre tre giorni. Il tutto, secondo i media di regime, sarebbe durato circa un’ora. Sotto gli occhi, entusiasti, di Kim Jong-un.