Venezia. Perseguitava lui, la moglie e i vicini: arrestata

Pubblicato il 17 luglio 2010 14:58 | Ultimo aggiornamento: 17 luglio 2010 16:16

Ha perseguitato per anni lui con telefonate, messaggi e appostamenti, ha aggredito sua moglie e tormentato anche i vicini di casa, suonando insistentemente i campanelli a tutte le ore del giorno e della notte.

Sono stati loro alla fine a chiamare la polizia di Venezia, chenel sestiere di Dorsoduro hanno arrestato per stalking una romena di 38 anni ufficialmente residente a Mestre, ma di fatto senza fissa dimora. Esasperati dagli squilli di campanello, i vicini di casa hanno tempestato di chiamate il 113: sono arrivati gli agenti di una volante che hanno raccolto le loro testimonianze e poi si sono rivolti al ‘diretto interessato’, un veneziano di 65 anni che ha confermato le ‘persecuzioni’ subite da quando, nel 2007, aveva licenziato la donna, con la quale pare avesse avuto una relazione sentimentale, almeno a detta di lei.

A farne le spese anche la moglie della vittima che, intercettata qualche giorno prima in strada dalla romena, era stata aggredita e malmenata, riportando varie ferite e traumi. Dalle indagini è emerso che le persecuzioni erano diventate insopportabili anche per gli abitanti della zona, disturbati da scene plateali a tutte le ore ma anche minacciati e aggrediti. Una situazione che andava avanti da anni e diventata insostenibile, tanto che alcuni vicini di casa hanno preferito staccare i campanelli e restare barrati in casa per paura di ritorsioni. In effetti, da un controllo negli archivi della Questura, sono emersi ben 22 episodi di disturbo, aggressioni e minacce legate a questa vicenda: vista la reiterazione del reato e la crescente pericolosita’ della donna, sono scattate percio’ le manette.