Stan Lee, chi erediterà il suo patrimonio?

di Redazione Blitz
Pubblicato il 14 novembre 2018 6:47 | Ultimo aggiornamento: 2 dicembre 2018 23:06
stan lee patrimonio

Stan Lee, a quanto ammonta il suo patrimonio?

LOS ANGELES – Stan Lee, il papà dei super eroi Marvel morto a 95 anni ha lasciato un modesto patrimonio valutato tra i 50 e 70 milioni di dollari. 

I film basati sulle sue creazioni nel corso degli anni hanno infatti incassato complessivamente 21,3 miliardi di dollari ma il suo atteggiamento nei confronti del denaro non ha permesso che guadagnasse cifre esorbitanti.

Nel 2016 in un’intervista a The Hollywood Reporter aveva ammesso di essere stato “stupido” per tutta la carriera e sottolineato che avrebbe dovuto “essere più avido”. 

Nel 2002 Lee aveva citato in giudizio la Marvel Enterprises sostenendo che la società lo aveva truffato del 10% dei profitti ricavati da X-Men, Spider-Man e Hulk.

La causa era stata risolta tre anni dopo e aveva incassato un magro assegno di 10 milioni di dollari, pochi anni prima che la Disney acquistasse la Marvel all’incredibile cifra di 4 miliardi. 

Nel 2014, parlando del suo patrimonio netto a Playboy aveva detto: “Mia figlia stava navigando su internet e ho letto che Stan Lee ha un patrimonio stimato 250 milioni di dollari. E’ ridicolo! Non arrivo nemmeno a 100 milioni”.

Al momento non c’è stata alcuna conferma su chi erediterà la fortuna di Lee, ma in molti si chiedono se andrà all’unica figlia vivente, Joan Celia Lee.

In un’intervista rilasciata il mese scorso al Dealy Beast, Lee aveva: “Questi soldi andranno a lei, e invece di aspettare la mia morte le darò il massimo ora”.

Lee, non aveva altri familiari: la moglie, Joan B. Lee, è deceduta l’anno scorso per complicazioni sopravvenute a un ictus, un’altra figlia Jan Lee, morì nel 1953 tre giorni dopo la nascita.

Oltre a Joan Celia, o J.C., c’è soltanto il fratello 83enne Larry Lieber, scrittore di fumetti. 

Lee ha rivoluzionato i fumetti e ha contribuito a far guadagnare miliardi di dollari a Hollywood. Ha introdotto le fragilità umane nei supereroi Marvel come Spider-Man, i Fantastici Quattro e l’Incredibile Hulk.