Stati Uniti, pacchi bomba: arrestato “il principale sospettato”. Tradito dalle tracce di dna

di Redazione Blitz
Pubblicato il 26 ottobre 2018 17:22 | Ultimo aggiornamento: 26 ottobre 2018 19:03
Stati Uniti, pacchi bomba: arrestato un uomo in Florida. Tradito dalle tracce di dna

Stati Uniti, pacchi bomba: arrestato un uomo in Florida. Tradito dalle tracce di dna

MIAMI – La polizia ha arrestato un uomo nell’ambito delle indagini sui pacchi bomba sospetti negli Stati Uniti. L’arresto è avvenuto a Plantation, vicino Miami. Molti dei pacchi sono stati spediti proprio da un ufficio postale della Florida. L’uomo arrestato, Cesar Sayoc, un uomo bianco di 56 anni, è considerato dalle forze dell’ordine come il maggior sospettato per l’invio dei pacchi bomba. Il 56enne sarebbe stato tradito da alcune tracce di dna lasciate su alcune buste.

Si trovava in un furgoncino bianco con i vetri oscurati da adesivi che la polizia stava seguendo con attenzione.

Intanto il presidente Usa, Donald Trump, si è detto convinto che i pacchi bomba abbiano “danneggiato la campagna dei repubblicani per le elezioni di midterm”.

Trump ha scritto su Twitter: “I repubblicani stanno andando così bene nel voto anticipato, e alle urne, e ora questi fatti “bomba” accadono e lo slancio rallenta notevolmente. I notiziari non parlano di politica. Molto spiacevole, ciò che sta succedendo. Repubblicani, uscite e votate!”.

Negli ultimi giorni diversi pacchi bomba sono stati inviati a diverse personalità democratiche: la famiglia Clinton, Obama, l’ex capo della Cia e anche Robert De Niro.