Stati Uniti, convince l’amante a uccidere il marito per intascare la polizza: condannata all’ergastolo

di Caterina Galloni
Pubblicato il 13 Novembre 2019 6:10 | Ultimo aggiornamento: 12 Novembre 2019 19:56
Una volante della polizia americana

Usa, una volante della polizia (foto d’archivio Ansa)

ROMA – Quando Kemia Hassel insieme all’amante Jeremy Cuellar aveva pianificato l’omicidio del marito Tyrone, 23 anni, su Snapchat pensava che i messaggi, e dunque le prove, sarebbero state eliminati.

Kemia, 22 anni, era determinata a vivere la sua storia d’amore con Cuellar ed eliminare il marito, un sergente dell’esercito USA. Entrambi avevano promesso la lealtà e devozione verso l’esercito americano e a l’un l’altro come uomo e moglie: Kemia e Tyrone Hassel erano soldati e quando avevano avuto un figlio, che ora ha due anni, promesso di proteggerlo. Tyrone si era arruolato nell’esercito nel 2015 ed era stato rapidamente promosso, il lavoro e la famiglia per lui erano tutto.

Nel 2017, Tyrone e Kemia erano stati inviati in Corea del Sud. Mentre Tyrone serviva il suo paese e pianificava il futuro della famiglia, Kemia faceva programmi diversi, stava studiano una strategia per ottenere ciò che voleva. La donna aveva una relazione con un altro soldato, Jeremy Cuellar, 24 anni, anch’egli residente in Corea del Sud ma non voleva parlare apertamente con Tyrone: Kemia non voleva perdere ciò che il marito poteva offrire. Per la nuova vita con Cuellar, aveva bisogno di soldi e Tyrone aveva una polizza assicurativa sulla vita dell’esercito che ammontava a più di 400.000 dollari e a cui non avrebbe avuto diritto se si fossero separati. Kemia e Jeremy pensarono di uccidere il 23enne. Per evitare di essere scoperti, hanno iniziato a comunicare su Snapchat: credevano erroneamente che i messaggi dell’app non sarebbero stati rilevati dalla polizia. Per mesi si sono scambiati messaggi su come avrebbero ucciso l’ignaro Tyrone.

La vigilia di Capodanno 2018, Kemia e Tyrone in congedo per le festività, erano insieme al padre del sergente a St Joseph Township, nel Michigan. La sera, Tyrone è andato a una festa di famiglia, lasciando Kemia a casa di suo padre. Prima delle 23.00, ha inviato un messaggio a Kemia per dire che le avrebbe portato del cibo. La donna ha inviato un messaggio a Jeremy scrivendo che c’era l’opportunità di un’imboscata. Tyrone lasciò la festa prima di mezzanotte ed era quasi arrivato a casa quando Jeremy gli aveva sparato in testa e al collo prima di scappare. I paramedici si erano precipitati ma Tyrone era morto all’arrivo in ospedale. Kemia ha interpretato la parte della vedova in lacrime, ha persino permesso alla famiglia di Tyrone di confortarla ma una volta che i detective hanno scoperto la sua relazione, hanno iniziato a osservare la vicenda..

Hanno scoperto che dopo l’omicidio, Kemia aveva effettuato su Internet una serie di ricerche tra cui “come eliminare Snapchat”, “soldato in servizio attivo ucciso alla vigilia di Capodanno” e “cosa devo fare dopo che la mia casa è stata pagata”. Dal cellulare è stata rilevata la posizione di Jeremy che non aveva motivo di trovarsi in Michigan. Interrogata dalla polizia, Kemia ha inizialmente negato qualsiasi coinvolgimento nell’omicidio del marito ma poi ha confessato. La donna ha raccontato di essere infelice ma non voleva divorziare perché non avrebbe potuto beneficiare della polizza assicurativa sulla vita del marito. Jeremy è stato arrestato e rilasciato su cauzione di 2,5 milioni di dollari. Al processo, la difesa di Kemia ha insistito che fosse stata interrogata per lungo tempo e spinta a confessare e che Jeremy era il solo responsabile dell’omicidio. Dopo un processo durato tre giorni, Kemia è stata giudicata colpevole di omicidio di primo grado e complotto per omicidio e condannata all’ergastolo senza possibilità di libertà vigilata. Jeremy si è dichiarato colpevole di omicidio di secondo grado per evitare un’accusa di omicidio di primo grado.

Fonte: Mirror