Steve Jobs, la ex fidanzata e le lettere: “Hai una figlia, mi servono soldi”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 7 agosto 2015 22:31 | Ultimo aggiornamento: 7 agosto 2015 22:32
Il libro di Chrisann Brennan

Il libro di memorie di Chrisann Brennan

NEW YORK – La prima fidanzata di Steve Jobs aveva chiesto al fondatore di Apple 25 milioni di dollari come compenso per il suo ”comportamento disonesto” mentre lei cresceva la loro figlia da sola. Lo riporta Fortune, sottolineando che Chrisann Brennan, la madre della figlia più grande di Jobs, aveva scritto una lettera di due pagine a Jobs nel 2005 chiedendogli soldi.

Nella missiva Brennan affermava che i ”soldi le sarebbero bastati per tutto il resto della sua vita e anche di più”. Alla lettera Jobs non aveva risposto. Nel 2009 Brennan aveva tentato una seconda volta, e Jobs si era limitato a dire: ”Non reagisco ai ricatti. Non ne farò parte”. Il braccio di ferro si è concluso con un giudice che ha ordinato a Jobs di sottoporsi a un test di paternità, che ha accertato che fosse il papà di Lisa, la figlia che Brennan stava crescendo da sola e di cui Jobs aveva negato l’esistenza. Da allora Jobs iniziò a stanziare 4mila dollari al mese per Brennan, una cifra minima rispetto al patrimonio di Jobs, che vantava una ricchezza di 225 milioni di dollari.