Strage Oregon, i nomi dei 9 morti. Killer andava al college

di redazione Blitz
Pubblicato il 3 Ottobre 2015 6:17 | Ultimo aggiornamento: 3 Ottobre 2015 1:45
Strage Oregon, i nomi dei 9 morti. Killer andava al college

Strage Oregon, i nomi dei 9 morti. Killer andava al college

PORTLAND – Otto studenti e un’insegnante. Sono le vittime della strage che si è consumata giovedì 2 ottobre al Community College di Roseburg, in Oregon. Giovani e meno giovani, adulti lavoratori, ragazzi non abbastanza fortunati da permettersi le rette da capogiro di un’università privata. Persone insomma che aspiravano ad una vita migliore.

Sono morti sotto la furia omicida di Chris Harper Mercer, uno studente come loro, iscritto alla stessa università. Ma ossessionato dalle armi e dal mito dell’Ira, i terroristi irlandesi. Soprattutto odiava di un odio incontenibile le religioni organizzate, in particolare i cristiani. “Tra poco vedrai Dio”, gli ha detto prima di sparare a sangue freddo.

La polizia ha rivelato alla stampa i loro nomi:

Lucero Alcaraz, 19 anni, Quinn Glen Cooper, 18; Kim Saltmarsh Dietz, 59, Lucas Eibel, 18, Lawrence Levine, 67, insegnante; Jason Dale Johnson, 33; Rebecka Ann Carnes, 18; Sarena Dawn Moore, 44 e Treven Taylor Anspach, 20 anni.

Altre 9 persone sono rimaste ferite nella sparatoria, due in modo grave. Uno è Chris Mintz, ex soldato e papà eroe che si è chiuso in un’aula insieme al killer per cercare di salvare alcuni studenti. Si è beccato cinque pallottole, ma è sopravvissuto, facendo guadagnare tempo alla polizia che poco dopo ha fatto irruzione e ha ucciso Chris Harper.

Il college ha cancellato le lezioni per tutta la prossima settimana.