Sudan, giornalista italiana Antonella Napoli fermata da presunti poliziotti

di redazione Blitz
Pubblicato il 6 gennaio 2019 12:20 | Ultimo aggiornamento: 6 gennaio 2019 13:51
Sudan, giornalista italiana Antonella Napoli fermata da presunti poliziotti

Sudan, giornalista italiana Antonella Napoli fermata da presunti poliziotti (Foto da Facebook)

KARTHOUM – Una giornalista italiana, Antonella Napoli, è stata fermata a Khartoum, in Sudan, da persone che si sono qualificate come poliziotti. E’ successo alle 10:30 di domenica 6 gennaio, come ha spiegato in un tweet Riccardo Noury, portavoce della sezione italiana di Amnesty International. 

Antonella Napoli, fondatrice e presidente della Onlus Italians for Darfur, si trovava in Sudan per seguire le proteste contro il presidente Omar al Bashir.  

Contattato telefonicamente dall’Agi, Noury ha detto essere stato informato dalla stessa Napoli con un “messaggio whatsapp” in cui la giornalista affermava di essere stata fermata a Khartoum da sedicenti poliziotti, “ma il messaggio era incompleto e terminava con avv…, immagino mi stesse chiedendo di avvisare qualcuno. Sto provando a chiamare quel numero da oltre un’ora ma squilla a vuoto”. 

La giornalista è stata rilasciata poco dopo. Secondo quanto reso noto, era stata fermata perché avrebbe scattato foto a obiettivi considerati ‘sensibili’.