Taiwan, uccide la fidanzata e si toglie la vita: “Mi aveva detto di essere vergine”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 30 maggio 2018 6:39 | Ultimo aggiornamento: 29 maggio 2018 18:45
Taiwan, uccide la fidanzata e si toglie la vita: "Mi aveva detto di essere vergine"

Taiwan, uccide la fidanzata e si toglie la vita: “Mi aveva detto di essere vergine”

NEW TAIPEI, TAIWAN – A New Taipei [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui,- Ladyblitz clicca qui –Cronaca Oggi, App on Google Play], una relazione iniziata su Tinder si è trasformata in una tragedia, in  un folle omicidio-suicidio: Yee-min Huang, 27 anni, è stata uccisa e smembrata da Gary Chu, un pugile 27enne, in un impeto di rabbia scatenata dalla gelosia per aver mentito sulla sua verginità, e poi a distanza di pochi giorni si è suicidato.

La coppia si era conosciuta sull’app Tinder e i due avevano deciso di incontrarsi. Un video di sorveglianza mostra il momento in cui entrano nell’appartamento dove si ritiene che Chu abbia ucciso e smembrato il corpo, gettando i resti nei sacchi della spazzatura.

Chu, lottatore di Arzi Marziali Miste e pugile che viveva a New Taipei a Taiwan, si è impiccato pochi giorni dopo la morte di Huang. La polizia ha trovato un biglietto su cui aveva scritto: “Lei mi ha fatto del male”.
Mentre i familiari di Huang erano impegnati nella ricerca e lanciavano appelli per trovarla, Chu prima di suicidarsi aveva scritto un post delirante su Facebook sostenendo “dopo l’incontro su Tinder, mi ha mentito dicendo che era vergine” e che Huang continuava a cercarlo nonostante lui avesse deciso di chiudere il rapporto.
“Mi sono sentito ingannato e tradito quando ho scoperto che mi aveva mentito e tradito con altri uomini”.
Nell’ingresso dell’appartamento del pugile, la polizia ha trovato la telecamera a circuito chiuso, il video mostrava Chu mentre trasportava fuori dall’abitazione sette sacchi dell’immondizia e i resti di Haung sono stati trovati sparsi in un’aiuola vicino all’edificio.

I media taiwanesi riferiscono che si è fatta avanti una donna che sostiene di essere l’ex moglie e avrebbe dichiarato che Chu era violento. Ha affermato che il pugile l’avrebbe tenuta prigioniera e lei condiviso le foto delle ferite provocate dall’ex marito.