Thailandia, fallito il tentativo di trivellare il cunicolo. Unica via d’uscita le gallerie nella grotta. Soccorritori pompano ossigeno

di redazione Blitz
Pubblicato il 6 luglio 2018 19:35 | Ultimo aggiornamento: 6 luglio 2018 22:25
Thailandia, fallito il tentativo di trivellare il cunicolo. Unica via d'uscita le gallerie nella grotta. Soccorritori pompano ossigeno

Thailandia, fallito il tentativo di trivellare il cunicolo. Unica via d’uscita le gallerie nella grotta. Soccorritori pompano ossigeno

BANGKOK –  Si spegne anche la speranza di portare in salvo i dodici ragazzi thailandesi intrappolati nella grotta di Tham Luang attraverso un cunicolo: i tentativi di trivellarlo sono falliti. [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui,- Ladyblitz clicca qui –Cronaca Oggi, App on Google Play] A questo punto le uniche vie d’uscite restano le gallerie, in parte allagate, della grotte.

Una strada impervia, più che mai alla luce della morte dell’ex Navy Seal rimasto senza ossigeno. La difficoltà principale per salvare i ragazzi è farli entrare in acqua. “Per questo quello che si sta facendo è ‘allenare’ i ragazzi, mettendo loro una maschera e facendogli fare piccoli percorsi. Così si può vedere chi ce la fa e chi invece va subito nel panico, ha spiegato all’Ansa Mario Mazzoli, general manager di Assonet (Archeologia subacquea speleologia organizzazione Network) ed esperto di strategie di soccorso. L’uscita verrà fatta seguendo una ‘sagola’, una sorta di ‘filo di Arianna’ che indica la strada da seguire. Lungo il percorso si posizionano le bombole di aria da usare in caso di difficoltà con quella che si indossa”.

Il trasferimento dei ragazzi e del loro allenatore, chiusi nella grotta da 13 giorni, deve essere fatto al più presto. Il nuovo allarme, oltre al rischio di nuove piogge, è dettato proprio dalla carenza di ossigeno: mentre si cerca di vedere se il nuovo cunicolo possa rappresentare la soluzione, i soccorsi stanno trasportando un tubo nella grotta per ‘pompare’ aria.