Thailandia. Iniziata espulsione di 4 mila di etnia Hmong verso Laos

Pubblicato il 28 Dicembre 2009 1:44 | Ultimo aggiornamento: 28 Dicembre 2009 16:38

L’esercito thailandese ha iniziato domenica a espellere verso il Laos circa 4 mila profughi di etnia Hmong che da circa 30 anni vivevano nel campo profughi di Huay nam Khao, nel nord della Thailandia.

L’operazione ha avuto inizio alle prime luci del giorno, stando a quanto reso noto da un portavoce militare. Le espulsioni sono state decise di comune accordo tra Thailandia e Laos nonostante le proteste di numerose organizzazioni internazionali.

Negli ultimi mesi, secondo Medecins Sans Frontieres, i soldati thailandesi avevano introdotto pesanti misure restrittive nel tentativo di costringere gli Hmong a non chiedere lo status di rifugiati e a rientrare in Laos.

Proteste formali sono arrivate immediatamente dagli Stati Uniti, i quali vantano un interesse speciale nei confronti di questo gruppo tribale di montagna. Negli anni ’60 furono segretamente arruolati dalla Cia migliaia di Hmong durante la campagna di guerra in Laos. Erano considerati eccellenti combattenti: “camminavano sulle montagne come il vento”, ammise William Liar, responsabile del reclutamento. Il loro supporto è misurabile dal grande tributo di sangue versato nelle operazioni lanciate per dividere il comunista Pateth Lao dalle milizie Nord-Vietnamite. Morirono in tanti anche nell’impresa dell’esercito Usa di recupero dei piloti americani dispersi nella foresta.