Toni Morrison, morta il premio Nobel per la Letteratura

di Redazione Blitz
Pubblicato il 6 Agosto 2019 15:59 | Ultimo aggiornamento: 6 Agosto 2019 16:05
toni morrison morta

Toni Morrison (Foto Ansa)

ROMA – E’ morta la scrittrice Toni Morrison, premio Nobel per la letteratura nel 1993, tra le più importanti voci della letteratura americana del ‘900. Ne ha dato notizia il suo editore, Knopf. Morrison, che ebbe anche il premio Pulitzer, aveva 88 anni.

Nata a Lorain, Ohio da una famiglia nera della classe operaia originaria dell’Alabama seconda di quattro fratelli, dimostra subito grande interesse per il mondo letterario. Compie gli studi umanistici alla Howard University, dove si laurea nel 1953 in Letteratura inglese, e alla Cornell University, ai quali farà seguito una carriera accademica all’università del sud del Texas, presso la Howard University, dove avrà tra i suoi studenti Stokely Carmichael, e nel 1989 all’Università di Princeton. Nel 1958 sposa un architetto giamaicano, Harold Morrison, dal quale ha due figli e dal quale in seguito divorzia.

Nel 1965 inizia a lavorare per la casa editrice Random House di New York come editor curando le opere di diversi autori afroamericani come Gayl Jones, Toni Cade Bambara, Angela Davis e Muhammad Alì. Lavora nel frattempo come redattrice presso una prestigiosa rivista letteraria, collabora come critica letteraria e tiene numerose conferenze pubbliche che trattano della cultura afroamericana ottenendo presto la specializzazione in letteratura afroamericana. Nel 1970 compie il suo debutto come romanziera con L’occhio più azzurro(The Bluest Eye), dove viene narrata la storia di una bambina nera che desidera ardentemente assomigliare ai bianchi e vorrebbe avere gli occhi azzurri come Shirley Temple, ottenendo subito largo consenso di pubblico e di critica per il suo stile di spessore epico, per la poetica e per le descrizioni ricche ed espressive dell’America nera.

Nel 1973 pubblica il suo secondo romanzo, Sula dove viene presentato il ritratto di due donne dal carattere opposto, una ribelle e una conformista, e viene narrato il loro percorso di crescita nel periodo dell’ondata di migrazione degli anni quaranta, periodo che incise profondamente nei cambiamenti delle comunità dei neri. L’anno seguente, 1974, cura e pubblica l’antologia The Black Book raccogliendo numerosi documenti a testimonianza di 300 anni di storia afroamericana. Nel 1976 ottiene l’incarico di insegnamento presso l’Università di Yale, dove rimane per tre anni, e nel 1977 pubblica il Canto di Salomone (Song of Solomon) dove racconta le vicende di un ragazzo nero che durante gli anni sessanta parte da Detroit, dove vigevano i diritti civili, per raggiungere il paese mitico del sud da cui proviene la sua famiglia e ritrovare il suo passato razziale.

Lasciata nel 1984 la Random House, inizia a lavorare presso la State University of New York di Albany e in quell’anno insegna al “Bard College” e va in scena Dreaming Emmett con la regia di Gilbert Moses. Nel 1987 pubblica Amatissima (Beloved), la storia di una schiava fuggiasca che preferisce uccidere la figlia piuttosto che farle vivere le tremende condizioni della schiavitù. Con Amatissima la scrittrice ottiene nel 1988 il premio Pulitzer. Insegna intanto all’Università di Berkeley. Nel 1989 inizia ad insegnare Studi afroamericani e Scrittura creativa all’Università di Princeton e nel 1990 ottiene il premio internazionale Chianti Ruffino Antico Fattore. Nel 1992 pubblica Jazz e Playing in the Dark (“Giochi al buio”), un volume che raccoglie tutti i testi inerenti alle conferenze tenute presso l’Università Harvard ed esce alle stampe un’antologia di saggi riguardanti il caso Clarence Thomas-Anita Hill(re-Racing Justice, En-Gendering Power). Nel 1993 riceve il premio Nobel per la Letteratura (Fonte Ansa).