Cronaca Mondo

Trump: licenziata la ciclista che mostrò il dito medio al corteo di auto presidenziale

trump-ciclista-dito-medio

Trump: licenziata la ciclista che mostrò il dito medio al corteo di auto presidenziale

ROMA – Trump: licenziata la ciclista che mostrò il dito medio al corteo di auto presidenziale. Si è ritrovata disoccupata Juli Briskman, la donna protagonista della foto diventata virale in cui la si vede mentre in bicicletta fa il gesto del dito medio al presidente Donald Trump mentre passa con il corteo presidenziale per le strade di Washington. La foto era stata scattata da uno dei fotografi della Casa Bianca al seguito del presidente.

Secondo quanto scrive l’Huffington Post, la Briskman, 50 anni e madre di due figli, era impiegata come contrattista per un’agenzia che ha rapporti con l’amministrazione: secondo il suo datore di lavoro con il suo gesto sarebbero state violate le regole dell’azienda sui social media. Anche se non è stata la donna a scattare e postare la foto, l’ha usata come immagine sui suoi profili Twitter e Facebook.

Juli era entrata nella Akima solamente 6 mesi prima. La donna ha provato a difendersi cercando di far capire di non trovarsi sul luogo del lavoro nel momento dell’incontro con Trump e che sul suo profilo Twitter non si è mai identificata come una dipendente dell’azienda. Non c’è stato nulla da fare, però, perché la società è un partner della Casa Bianca e ha quindi ritenuto come potenzialmente lesivo degli affari della società quel gesto. (Huffington Post)

All’Akima Lcc sono stati inflessibili: lasciare post o foto con contenuti osceni o lascivi sul proprio account viola il regolamento. Il dito medio è un contenuto osceno. Il problema, sembra di capire, è stata la viralità della foto che immediatamente ha fatto il giro del mondo social. L’azienda ha temuto di doverne pagare il prezzo, sebbene l’ex dipendente non avesse mai menzionato il suo nome. Briskman ha criticato il severo provvedimento come sessista perché un suo collega, autore di commenti osceni sul suo profilo social, non ha ricevuto nessuna sanzione.

 

To Top