Trump litiga con giornalista sui dati Covid. Per lui “pochi morti in Usa”, di percentuali e grandezze non si cura

di Redazione Blitz
Pubblicato il 4 Agosto 2020 14:55 | Ultimo aggiornamento: 4 Agosto 2020 14:55
Donald Trump ha minimizzato sul Coronavirus per non creare panico. Ma ha dato alibi ai negazionisti

Trump ha minimizzato sul Coronavirus per non creare panico. Ma ha dato alibi ai negazionisti (Foto d’archivio Ansa)

Ieri ha dato su twitter della “patetica” a Deborah Birx, diciamo la vice di Fauci come responsabile del contrasto alla pandemia.

Ma twitter, come la tv via cavo, non perdonano e il giorno dopo altra pena, Trump che litiga con un giornalista.

Un presidente rewind perché parliamo di una registrazione del 28 luglio, andata in onda televisiva solo poche ore fa su Hbo.

L’intervista in cui Trump litiga con il giornalista

Un’intervista in cui litiga con un giornalista sui dati dei morti, adducendo cifre sbagliate desunte da fonti che non prendono in considerazione il rapporto con la popolazione.

“Siamo più bassi del resto del mondo”, esulta davanti al giornalista di Axios Jonathan Swan. Che, esterrefatto, sbotta in un “What?”. Cosa??

Trump sventola dati e grafici, Swan gli dà un’occhiata e capisce. “Qua, nel rapporto con la popolazione, gli Stati Uniti stanno andando malissimo, peggio della Corea del Sud, della Germania…”. 

Il presidente non crede alle sue orecchie, “You can’t do that…” intima. Quello, è più sbalordito di prima. Non può fornire, dibattere, contestare dati pubblici?

“Non puoi farlo, devi guardare al rapporto con i contagi…”, insiste Trump. “Perché non posso farlo?”, sospira l’altro.

Non si litiga con un Presidente degli Stati Uniti. Che infatti prosegue imperterrito.

Una settimana dopo, tuttavia, dieci milioni di utenti avrebbero visto la registrazione sul profilo twitter di Axios.

E in tv ascolti record.

“Patetica”, Trump attacca la vice di Fauci

Il giorno prima, intanto, dopo Anthony Fauci, Trump aveva attaccato duramente un altro membro della task force della Casa Bianca contro il coronavirus.

La coordinatrice Deborah Birx, che per la prima volta ha osato parlare di una “diffusione straordinaria” del virus negli Stati Uniti, sia nelle aree rurali che in quelle urbane”. (fonte Twitter)