Tunisia, 11 neonati morti in 24 ore in ospedale: infezione forse da prodotto nutrizionale scaduto

di Veronica Nicosia
Pubblicato il 10 marzo 2019 8:59 | Ultimo aggiornamento: 10 marzo 2019 10:09
Tunisia, 11 neonati morti in 24 ore: infezione in ospedale

Tunisia, 11 neonati morti in 24 ore in ospedale: infezione forse da prodotto nutrizionale scaduto

TUNISI – Undici neonati morti in appena 24 ore. Una tragedia avvenuta nell’ospedale di Tunisi, in Tunisia, tra il 7 e l’8 marzo nell’ospedale Rabta. Una vicenda che ha portato alle dimissioni del ministro della sanità Abderraouf Cherif, con il premier Youssef Chahed che ha accolto le dimissioni e ha annunciato l’apertura di un’inchiesta per accertare le circostanze che hanno portato alla morte dei neonati. 

Secondo i primi accertamenti, i neonati sarebbero morti per shock settico provocato da una infezione del sangue. L’Ansa spiega che a renderlo noto è stato proprio il ministro della sanità prima di dimettersi. I laboratori stanno analizzando alcuni campioni biologici e di tessuti prelevati dai neonati che si trovavano nel reparto maternità dell’ospedale Rabta di Tunisi. 

In un comunicato la Società tunisina di Pediatria (Stp) dichiara che “la grave infezione nosocomiale” in questione sarebbe da ricondurre alla somministrazione a questi neonati “di un prodotto nutrizionale”. I media tunisini parlano della somministrazione di un siero scaduto.
Sul caso è stata aperta anche un’indagine penale. Il primo ministro ha assicurato che renderà noti i dettagli dell’inchiesta non appena disponibili.

Fonte Ansa