Ucraina. No a condizioni detentive meno severe per Timoshenko malata

Pubblicato il 12 febbraio 2014 14:53 | Ultimo aggiornamento: 12 febbraio 2014 14:53
Yulia Timoshenko

Yulia Timoshenko

UCRAINA, KIEV – Un tribunale di Kharkiv ha respinto la richiesta della leader dell’opposizione ucraina, Iulia Timoshenko, di poter beneficiare di condizioni detentive meno severe. Lo fanno sapere i media locali. ‘Iulia’ aveva chiesto permessi di libertà temporanea, l’uso del cellulare senza limitazioni e visite più frequenti.

La corte, presieduta dal giudice Antonina Iurieva, ha in pratica confermato la decisione delle autorità carcerarie, che avevano già negato all’ex premier le richieste da lei avanzate. L’avvocato di Timoshenko, Oleksandr Plakhotniuk, ha annunciato che contro la sentenza sarà presentato ricorso in appello, lamentando che la corte “non ha preso in considerazione gli argomenti della difesa”.

Il processo si è svolto in una sala colma di giornalisti e di sostenitori dell’ex “pasionaria” della rivoluzione arancione. Timoshenko è ricoverata in stato di detenzione in una clinica di Kharkiv dal maggio 2012 per curare un’ernia del disco. Nell’ottobre del 2011 è stata condannata a sette anni di reclusione in un processo che Ue e Usa ritengono di matrice politica.