Ucraina, Onu: da metà aprile ad oggi oltre 1.100 i morti, torture e rapimenti

di Redazione Blitz
Pubblicato il 28 Luglio 2014 14:47 | Ultimo aggiornamento: 28 Luglio 2014 14:47
Ucraina, Onu: da metà aprile ad oggi oltre 1.100 i morti, torture e rapimenti

Scontri a Lugansk lo scorso giugno (Foto Lapresse)

KIEV – Crisi in Ucraina orientale, l‘Onu fa un bilancio delle vittime: sono “almeno 1.129 le persone uccise e 3.442 i feriti” da metà aprile a fine luglio, ha detto l’Alto commissario Onu per i diritti umani, Navi Pillay.

Le informazioni di combattimenti sempre più intensi nelle regioni di Donetsk e Luhansk nell’est dell’Ucraina, ha detto Pillay, sono “estremamente allarmanti”, con il ricorso di entrambe le parti ad armi pesanti in zone edificate, ha spiegato la Pillay.

Il rapporto dell’Onu parla di “paura e terrore” inflitti dai gruppi armati sulla popolazione dell’Ucraina orientale. I gruppi armati, denuncia il documento, “continuano a rapire, arrestare, torturare e giustiziare le persone tenute in ostaggio.

Il rapporto copre il periodo tra l’8 giugno e il 15 luglio ed è il quarto reso noto dalla Missione Onu di osservazioni  dei diritti umani in Ucraina.