Unesco, le colline del prosecco sono patrimonio dell’Umanità

di Redazione Blitz
Pubblicato il 7 Luglio 2019 15:02 | Ultimo aggiornamento: 7 Luglio 2019 15:02
unesco prosecco

Unesco, le colline del prosecco sono patrimonio dell’Umanità

ROMA – Il Comitato del Patrimonio Mondiale dell’Unesco, in corso a Baku (Azerbaijan), ha iscritto, all’unanimità, i paesaggi vitivinicoli delle colline del prosecco superiore di Conegliano e Valdobbiadene nella Lista dei siti patrimoni culturali e naturali dell’umanità.

“Grande soddisfazione – dichiara Innocente Nardi, presidente dell’associazione temporanea di scopo ‘Colline di Conegliano Valdobbiadene Patrimonio dell’Umanità’ e del consorzio di tutela del Conegliano Valdobbiadene Prosecco Docg – e immensa gioia per l’iscrizione a patrimonio dell’umanità delle colline di Conegliano Valdobbiadene. A Baku, l’assemblea mondiale Unesco ha assegnato alle nostre colline quest’ambito riconoscimento, da oggi quindi rappresentano il 55esimo sito italiano da proteggere e tutelare per l’unicità del suo paesaggio culturale. Grazie al lavoro svolto da una squadra eccezionale capitanata dal governatore della Regione Veneto, Luca Zaia, con il contributo dei ministeri competenti e l’impeccabile lavoro del comitato scientifico, presieduto da Mauro Agnoletti, e il supporto della delegazione italiana Unesco”. Per il presidente Nardi, si tratta di un traguardo ma non di un punto di arrivo, “è un’importante tappa – sottolinea – di un percorso che mira alla valorizzazione del patrimonio culturale, artistico ed agricolo presente in questo piccolo territorio, noto per il suo prodotto principe, il Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore”.

L’iter della candidatura è durato dieci anni, un percorso lungo e non privo di difficoltà, sebbene nella media degli altri siti iscritti, durante il quale è emersa coesione delle parti promotrici: le amministrazioni comunali, le associazioni di categoria, gli imprenditori del territorio e gli abitanti.

5 x 1000

“L’impegno – conclude Nardi – che generazioni di viticoltori hanno speso nelle vigne per forgiare ‘i mosaici’, che oggi ammiriamo, e i caratteristici ‘ciglioni’, che contraddistinguono la nostra viticoltura e quindi il nostro territorio, ha permesso di arrivare al riconoscimento Unesco”. Il paesaggio delle colline di Conegliano e Valdobbiadene è il decimo sito al mondo iscritto alla categoria di ‘paesaggio culturale’ ed è caratterizzato da attributi unici, basati sulle differenti caratteristiche geomorfologiche e culturali, rispetto agli altri nove territori (Alto Douro – Portogallo, Tokaj – Ungheria, Pico Island – Portogallo, Lavaux – Svizzera, Langhe Roero e Monferrato – Italia, Champagne – Francia, Borgogna – Francia, Saint-Emilion – Francia, Wachau – Austria). Tutti e dieci i siti sono paesaggi culturali evolutivi, il cui risultato visibile è dato dall’interazione uomo-ambiente, in continua evoluzione. (fonte AGI)