A Montevideo (Uruguay) arriva la sagra della marijuana

Pubblicato il 8 agosto 2012 22:17 | Ultimo aggiornamento: 8 agosto 2012 23:34

MONTEVIDEO – In attesa della nuova legge sulla cannabis i coltivatori di marijuana di Montevideo, in Uruguay, hanno organizzato la prima sagra della pianta.

I partecipanti si sono sfidati per ottenere la Coppa Cannabis per la migliore ”erba” locale. Una giuria di esperti ha valutato i campioni di marijuana presentati dai partecipanti sotto vari profili tecnici – presentazione, profumo, gusto ed effetto – e scelto i vincitori in ogni categoria.

”Non è che stiamo facendo qualcosa di illegale, perché legalmente è solo proibito ridistribuire o vendere questa sostanza: questo tecnicamente è consumo collettivo, qualcosa che la Corte Suprema ha già autorizzato in altri casi”, ha precisato Laura Blanco, dell’Associazione di Studi sulla cannabis dell’Uruguay (Ascu), aggiungendo però che ”comunque bisogna stare attenti”.

L’idea della Coppa Cannabis – inventata negli Usa ed arrivata in Uruguay dopo aver transitato per la Spagna e l’Argentina – riveste un’importanza particolare dopo che il governo del presidente José Mujica ha annunciato nel giugno scorso che proporrà la legalizzazione della marijuana, il cui consumo non è più considerato un reato nel Paese, come parte di un pacchetto di misure per lottare contro la criminalità e il narcotraffico.

Il segretario della Presidenza, Diego Canepa, ha informato che il progetto di legge sull’argomento è ormai pronto e dovrebbe essere consegnato in Parlamento ”nelle prossime ore, al più tardi domani” per la sua discussione.

Si saprà allora quale sarà il contenuto preciso della riforma, se prevede la coltivazione e la distribuzione dell”’erba” da parte dello Stato, la legalizzazione della coltivazione a fini di consumo o la creazione di un registro nazionale di consumatori, tutte possibilità ipotizzate nel dibattito pubblico sulla misura, che ha avuto grande risonanza – a favore e contro – tanto a livello nazionale come internazionale.