Usa 2016. Donald Trump smentisce visita in Giordania

Pubblicato il 9 Dicembre 2015 12:07 | Ultimo aggiornamento: 9 Dicembre 2015 12:07
Donald Trump

Donald Trump

USA, WASHINGTON – Il candidato per la nomination repubblicana nella corsa alla Casa Bianca Donald Trump ha smentito le indiscrezioni di piani per una sua visita in Giordania alla fine del mese. Lo ha fatto con un tweet, dopo che l’agenzia di stampa Associated Press aveva riferito dell’intenzione di visitare il regno con una popolazione a maggioranza musulmana, seguita alla controversa proposta del candidato di chiudere l’ingresso ai musulmani negli Stati Uniti.

Quando era ormai sera inoltrata negli Stati Uniti, la Ap ha rettificato pero’ in parte la sua notizia originaria, sottolineando tuttavia che, stando alle sue fonti, Trump aveva comunque chiesto alle autorita’ americane aiuto per l’organizzazione della visita. Nello specifico, ha scritto ancora l’agenzia di stampa, una fonte ufficiale americana, parlando sotto anonimato, aveva riferito all’AP che il governo degli Stati Uniti si era attivato, su richiesta dello staff di Trump, per preparare la visita in Giordania del candidato che tra l’altro gode della protezione del Secret Service.

Un’altra fonte ufficiale americana, anche in questo caso anonima, ha poi confermato all’Ap che i collaboratori di Trump avevano contattato l’ambasciata degli Stati Uniti ad Amman riguardo al viaggio e, fino al pomeriggio di mercoledi al Dipartimento di Stato erano in corso verifiche su come facilitare la richiesta, con contatti incentrati sulla sicurezza e consultazioni circa la possibilita’ di organizzare incontri in loco.

Stando alla stessa fonte poi, sebbene Trump da privato cittadino non disponga dello stesso livello di assistenza da parte del dipartimento di Stato riservato per esempio a membri del Congresso, al dipartimento si stava tuttavia lavorando con lo staff del candidato a riguardo.